Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Uniformati i codici Ateco per commercialisti ed esperti contabi

colonna Sinistra
Venerdì 28 gennaio 2022 - 10:08

Uniformati i codici Ateco per commercialisti ed esperti contabi

Cuchel (Anc): "Bene intervento Istat, ora tocca a Agenzia Entrate

Uniformati i codici Ateco per commercialisti ed esperti contabi
Milano, 28 gen. (askanews) – “Siamo felici che, dopo due anni di interlocuzione, l’Istat abbia uniformato i codici di attività degli iscritti all’Albo dei dottori commercialisti e degli esperti contabili, adeguandoli quindi all’entrata in vigore dell’Albo unico avvenuta nel 2008. Non vi era più ragione di continuare a mantenere due codici diversi che, oltretutto, menzionavano due Albi professionali che la legge ha soppresso da quindici anni”. Lo ha detto Marco Cuchel, presidente di ANC (Associazione Nazionale Commercialisti). “Allo stesso tempo vi era la necessità di attribuire un codice all’attività degli esperti contabili, una figura totalmente nuova in ambito professionale. L’esigenza di mettere ordine nei nostri codici di attività – spiega Cuchel – è diventata urgenza con la pandemia, dove il riferimento ai codici nei vari provvedimenti economici, fiscali, amministrativi, sul lavoro e anche sulla libertà di circolazione, era dirimente rispetto ai diritti e agli obblighi”.


Il Comitato Ateco dell’Istituto di Statistica ha approfondito le osservazioni e le motivazioni che ANC ha avuto modo di offrire e ha ritenuto pertanto di modificare la descrizione del codice 69.20.11 in servizi forniti da commercialisti (iscritti alla sezione A dell’Albo) e la descrizione del codice 69.20.12 in servizi forniti da esperti contabili (iscritti alla sezione B dell’Albo). È plausibile ritenere che la comunicazione della variazione dei codici, per coloro che sono interessati alla modifica, non sia soggetta al rispetto al previsto termine dei trenta giorni, ma piuttosto che la stessa possa essere indicata in occasione della prima dichiarazione utile presentata. “Lo scorso 3 gennaio – conclude il numero uno dell’Anc – abbiamo scritto all’Agenzia delle Entrate, segnalando la necessità di ottenere indicazioni sugli effetti di questa variazione ed eventuali istruzioni operative rispetto all’adeguamento. Ma ad oggi, nonostante successivi solleciti, non abbiamo ottenuto risposta. Ci auguriamo un rapido intervento dell’amministrazione finanziaria”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su