Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fincantieri, Fim: firmato accordo su asili nido in ogni sito

colonna Sinistra
Lunedì 17 gennaio 2022 - 12:39

Fincantieri, Fim: firmato accordo su asili nido in ogni sito

A partire da Trieste, Monfalcone e Porto Marghera

Roma, 17 gen. (askanews) – “E’ stato firmata nella tarda mattinata di oggi, presso il Ministero delle Pari opportunità e della famiglia alla presenza della Ministra Elena Bonetti, dell’ad di Fincantieri Giuseppe Bono e dei Segretari generali di Fim, Fiom e Uilm Roberto Benaglia, Francesca Re David, Rocco Palombella, l’importante intesa per la costituzione di asili nido nei diversi cantieri e siti del Gruppo, nell’ambito del negoziato per il rinnovo del contratto di secondo livello del gruppo Fincantieri, il più grande gruppo cantieristico navale del nostro Paese e leader mondiale”. Lo comunicano in una nota il segretario generale Fim Cisl Roberto Benaglia e il segretario nazionale Fim Cisl Massimiliano Nobis.


“Si tratta di un risultato importante della contrattazione – aggiungono – che dà una risposta concreta alle famiglie delle lavoratrici e lavoratori del Gruppo, un importante segnale di come con la contrattazione si possono dare risposte concrete all’emergenza demografica del nostro Paese con politiche contrattuali di sostegno alle famiglie”.



“L’accordo – proseguono – prevede, a partire dalle sedi di Trieste, Monfalcone e Porto Marghera, per poi arrivare a tutti gli altri siti del Gruppo, la costituzione a partire da quest’anno, di servizi di asilo nido presso le sedi aziendali o dove la domanda fosse superiore, di convenzioni con le strutture presenti nel territorio”.


“Siamo quindi soddisfatti di questo risultato – concludono – che segna sempre più la centralità del welfare contrattuale mutualistico dentro la contrattazione collettiva. Averlo sottoscritto oggi, presso il Ministero delle Pari Opportunità e la Famiglia alla presenza della Ministra Bonetti è un ottimo segnale che deve tradursi, come abbiamo chiesto alla Ministra, in politiche pubbliche di sostegno a partire dal PNNR che investano in questa direzione. I bisogni crescenti di conciliazione vita lavoro non potranno però essere tutti soddisfatti tutti dallo Stato e pertanto come Fim Cisl chiediamo di incentivare attraverso sgravi e finanziamenti accordi come questo che devono pilotare una stagione ricca di contrattazione aziendale che deve moltiplicare soluzioni che rispondano ai nuovi bisogni di padri e madri che lavorano”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su