Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Perini Navi: The Italian Sea Group si aggiudica asta per 80 milioni

colonna Sinistra
Mercoledì 22 dicembre 2021 - 17:53

Perini Navi: The Italian Sea Group si aggiudica asta per 80 milioni

Il Ceo di TISG Giovanni Costantino: orgoglioso, fatto la scelta giusta

Perini Navi: The Italian Sea Group si aggiudica asta per 80 milioni
Milano, 22 dic. (askanews) – The Italian Sea Group – operatore globale della nautica di lusso con sede a Marina di Carrara – si è aggiudicata l’asta indetta dal Tribunale di Lucca per il fallimento Perini Navi a un prezzo complessivo di 80 milioni di euro. L’oggetto dell’asta comprende il compendio mobiliare ed immobiliare dei cantieri navali di Viareggio e di La Spezia, il compendio immobiliare di Pisa, una nave in corso di costruzione, i marchi ed i brevetti, la partecipazione sociale in Perini Navi U.S.A. ed i rapporti giuridici in essere con i dipendenti e con i terzi.


TISG finanzierà l’operazione tramite le disponibilità di cassa, reinvestendo una significativa quota dei proventi raccolti in Ipo all’inizio del giugno scorso, oltre che attraverso linee di credito bancarie. E’ previsto che l’integrazione di Perini Navi possa portare una serie di benefici a livello di gruppo: espansione della capacità produttiva che renderà possibile un raddoppio di order intake nel refit e l’acquisizione di contratti per la costruzione di yacht a motore di 90-130 metri; crescita della marginalità nel refit.



“Sono estremamente orgoglioso di questa operazione. Abbiamo voluto spingerci oltre con l’investimento, ma siamo arrivati all’asta con l’assoluta determinazione di voler acquisire tutti gli asset in funzione della nostra ormai consolidata competenza e dei nuovi contratti, in particolare nel segmento degli yacht a vela di grandi dimensioni”, ha commentato Giovanni Costantino, Founder & CEO di The Italian Sea Group. “I nuovi spazi produttivi ci permetteranno di ampliare gli incoming orders per il futuro in un segmento molto dinamico, come provano anche le due recenti commesse relative agli yacht a vela siglate a dicembre. Siamo quindi confidenti di aver fatto la scelta giusta, spinti da un incoming order che ha superato le previsioni del 50%”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su