Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Riso, Centinaio: Governo al lavoro per sostenere il settore

colonna Sinistra
Giovedì 25 novembre 2021 - 17:51

Riso, Centinaio: Governo al lavoro per sostenere il settore

Pagamenti da Pac, studiamo altre forme aiuto

Riso, Centinaio: Governo al lavoro per sostenere il settore
Roma, 25 nov. (askanews) – “Al ministero stiamo lavorando per trovare altre forme di aiuti per sostenere la filiera. In questi mesi cercheremo anche di evitare che un flusso eccessivo da paesi come Cambogia e Birmania metta in crisi il riso europeo come accaduto negli ultimi anni”. Lo ha evidenziato il sottosegretario alle Politiche agricole alimentari e forestali, Gian Marco Centinaio, intervenendo a “Il mondo in un chicco di riso: storia, scienza, nutrizione ed economia del secondo cereale più consumato”, evento conclusivo del Festival Cerealia 2021 che si è tenuto a Roma presso la sede di Confagricoltura.


“Il riso è un cereale arrivato da lontano nel nostro paese molto tempo fa ma che ora fa, a tutti gli effetti, parte della nostra cultura e della nostra quotidianità tanto che in Italia ci sono oggi 217 mila ettari coltivati a riso e 200 varietà, una ricchezza unica al mondo”, ha ricordato Centinaio, ribadendo che “l’Italia è il paese che produce più riso in Europa avendo oltre il 50 per cento della superficie totale coltivata in Ue. Perfino la Cina, primo produttore mondiale, ha scelto l’Italia come paese importatore perché il nostro prodotto è riconosciuto di altissima qualità. È impossibile parlare di Made in Italy nel mondo senza pensare al riso, un’eccellenza che tale deve rimanere”.



“Purtroppo quest’anno c’è stato un calo importante di produzione – ha ricordato – causato sia dalle condizioni climatiche sempre più avverse, sia dall’aumento dei prezzi delle materie prime. Nella prossima Pac inoltre – ha continuato Centinaio – si prevede un calo dei pagamenti ai risicoltori fra il 50 e il 70 per cento. Non vogliamo che questo incida né sulla quantità né sulla qualità, per questo al ministero stiamo lavorando per trovare altre forme di aiuti per sostenere la filiera. In questi mesi – ha infine concluso il sottosegretario – cercheremo anche di evitare che un flusso eccessivo da paesi come Cambogia e Birmania metta in crisi il riso europeo come accaduto negli ultimi anni”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su