Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Start up italiana Wetaxi in 24 ore raccoglie 824mila euro

colonna Sinistra
Venerdì 12 novembre 2021 - 17:40

Start up italiana Wetaxi in 24 ore raccoglie 824mila euro

Nella prima campagna di equity crowdfunding

Start up italiana Wetaxi in 24 ore raccoglie 824mila euro
Milano, 12 nov. (askanews) – Wetaxi, la piattaforma per chiamare il taxi 100% italiana che per prima ha introdotto la Tariffa Massima Garantita, in meno di 24 ore ha raccolto oltre 824mila euro, andando in overfunding, con la sua prima campagna su Mamacrowd, la più importante piattaforma italiana per investimenti in equity crowdfunding che permette di investire nelle migliori startup e PMI italiane.


La startup, nata all’interno del Politecnico di Milano, rientra tra gli investimenti del comparto AZ ELTIF – ALIcrowd, primo ELTIF di venture capital che utilizza anche il crowdfunding per ricercare le aziende oggetto di investimento, istituito da Azimut Investments SA e gestito in delega da Azimut Libera Impresa SGR SpA.



“Siamo davvero orgogliosi di questo risultato: il fatto di aver raggiunto l’obiettivo minimo e il tetto massimo in neanche 24 ore è un segnale di ripartenza importante per il nostro settore e di rinnovata fiducia nel nostro modello e nella nostra azienda. Non ho ancora la lista con tutti i sottoscrittori, ma so che, tra gli investitori, figurano anche tassisti, partner e dipendenti – ha commenta Massimiliano Curto, CEO di Wetaxi -. Abbiamo scelto di crescere affidandoci ad una modalità, quella dell’equity crowdfunding, che ci consente di coinvolgere i privati, come gli utenti e i tassisti che sono i primi fruitori della nostra tecnologia, per onorare anche in questo contesto quella che è la nostra mission: creare valore e spingere il settore promuovendo una crescita collettiva. Come Wetaxi infatti vogliamo portare benefici reali ai clienti finali e alle città in cui operiamo, ponendoci al fianco dei tassisti e delle loro strutture, contrapponendoci così ai modelli su cui si basano le piattaforme tecnologiche di proprietà dei grandi operatori. multinazionali”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su