Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Startup, Poke House punta alla quotazione in Borsa nel 2024

colonna Sinistra
Giovedì 11 novembre 2021 - 15:55

Startup, Poke House punta alla quotazione in Borsa nel 2024

Pichi (ad): avremo 300 negozi, saremo grandi abbastanza. Ora presto

Startup, Poke House punta alla quotazione in Borsa nel 2024
Milano, 11 nov. (askanews) – Poke House, startup italiana del food, punta a quotarsi in Borsa nel 2024, quando in base al piano industriale dovrebbe aver inaugurato 300 ristoranti in almeno sei-sette nazioni. “Pensiamo che quella sia la dimensione giusta per andare sul mercato, bisogna essere grandi abbastanza ed ora è presto. Ma l’obiettivo è questo”, ha detto Matteo Pichi, co-fondatore e amministratore delegato di Poke House, parlando con askanews a margine di un evento a Milano. Attualmente i ristoranti a insegna Poke House aperti sono 65 distribuiti in sei Paesi inclusa l’Italia (Spagna, Portogallo, Francia, Uk e Olanda).


“Siamo lavorando per fare una Ipo nel 2024. Abbiamo un piano di 70 aperture all’anno e nel 2024 avremo 300 ristoranti in 6-7 nazioni”, ha dettagliato il manager che ha assicurato come la quotazione non sarà funzionale a una ‘exit’, almeno per quanto riguarda i due co-fondatori della società (lo stesso Pichi e Vittoria Zanetti).



L’amministratore delegato della startup ha anche escluso la possibilità di un nuovo round dopo l’aumento di capitale da 20 milioni di euro annunciato ad aprile che ha portato a 100 milioni la valutazione dell’azienda. “Non abbiamo nessun nuovo round in programma, siamo cash positive e non ne abbiamo bisogno”, ha tagliato corto Pichi.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su