Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ue piazza il primo green bond, subito boom: domanda 11 volte offerta

colonna Sinistra
Martedì 12 ottobre 2021 - 20:34

Ue piazza il primo green bond, subito boom: domanda 11 volte offerta

Raccolti 12 mld e richieste per 135 mld. "Inizio promettente"

Ue piazza il primo green bond, subito boom: domanda 11 volte offerta
Roma, 12 ott. (askanews) – Ancora una volta livelli di domanda enormemente superiori all’offerta, alla prima asta di bond green comuni lanciata dall’Unione europea. Non si tratta della prima operazione di raccolta su emissioni comuni, ma è la prima volta che vengono collocate obbligazioni di questo tipo. Con un comunicato, la Commissione europea ha riferito di aver piazzato bond per 12 miliardi di euro e ché la domanda, pari a oltre 135 miliardi, ha superato di 11 volte l’offerta.


“Un inizio promettente – commenta Bruxelles – del programma sui green bond di Next Generation Eu, che punta a collocare fino a 250 miliardi di euro per la fine del 2026”.



L’emissione rispetta pienamente i requisiti della International Capital Market Association , uno standard sui green bond, e secondo le intenzioni di Bruxelles rassicura gli investitori sul fatto che i fondi mobilitati verranno utilizzati per investimenti green. Peraltro il reporting della commissione europea sull’uso di dei proventi di questi titoli sarà sottoposto a controlli indipendenti.


Per la maggiore i fondi verranno poi girati ai singoli paesi per finanziare progetti dei rispettivi piani nazionali di ripresa e resilienza. La commissione cita come esempio il piano già approvato di ricerca per piattaforme sulla transizione energetica in Belgio, o la costruzione di parchi eolici in Lituania.



Bruxelles ricorda che almeno il 37% di ogni Pnrr deve essere impegnato sulla transizione green. Il collocamento di oggi non è certo il primo di quelli operati sotto NextGenEu: finora la commissione ha raccolto 68,5 miliardi di euro con bond a lunga scadenza e altri 14 miliardi con titoli a breve scadenza parentesi (Eu-bills). La raccolta totale prevista per fine 2026 è di 800 miliardi.


“Il nostro futuro è verde ed è estremamente importante che dimostriamo chiaramente agli investitori che i loro fondi saranno utilizzati per finanziare una ripresa sostenibile in Europa”, ha commentato il commissario europeo al bilancio, Johannes Hahn.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su