Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Weroad chiude round da 13,5mln, 4mln dalla piattaforma Backtowork

colonna Sinistra
Lunedì 11 ottobre 2021 - 13:57

Weroad chiude round da 13,5mln, 4mln dalla piattaforma Backtowork

Investono in startup 100 clienti Intesa Sanpaolo Private Banking

Weroad chiude round da 13,5mln, 4mln dalla piattaforma Backtowork
Milano, 11 ott. (askanews) – Weroad chiude un round da 13,5 milioni di euro, per finanziare la sua crescita internazionale. La startup italiana dei viaggi-avventura raccoglie i fondi in un mix tra equity, debito e convertible. A investire sono i soci storici ai quali si aggiungono capitali nuovi che arrivano a Weroad tramite BacktoWork, la piattaforma di crowdfunding di cui è partner Intesa Sanpaolo. Attraverso Backtowork sono stati raccolti oltre 4 milioni di euro, con l’adesione di oltre 100 clienti di Intesa Sanpaolo Private Banking.


“La campagna di WeRoad è la seconda operazione sulla nostra piattaforma che coinvolge con successo i clienti di Intesa Sanpaolo Private Banking, a dimostrazione che il crowdinvesting può diventare un efficiente strumento d’investimento alternativo”, ha spiegato Alberto Bassi, CEO di BacktoWork.



Il round, ha sottolineato Paolo De Nadai, CEO e founder di WeRoad, arriva dopo due anni “difficili: le restrizioni hanno messo a dura prova la serenità di tutti noi, la solitudine è esplosa e con essa l’esigenza di tornare a viaggiare, condividere esperienze, vivere di nuovo una vita piena e libera. Siamo molto fieri dell’impatto che WeRoad ha nella vita delle persone e sentiamo forte la responsabilità di essere un attore protagonista di una ripartenza che metta le connessioni umane al centro”.


I fondi raccolti , ha spiegato Alessandro Zanchetton, managing director di WeRoad, serviranno allo scaleup internazionale, con la startup che punta alla leadership in Italia e alla crescita in Spagna con l’Inghilterra nel mirino. “Siamo convinti che il nostro modello costituisca un unicum nel settore del travel: a differenza dei principali player del mercato WeRoad è contemporaneamente un tour operator, un community business e una travel tech company. Grazie all’insieme di questi tratti siamo convinti di avere tutte le carte per diventare il leader paneuropeo entro il 2025”, ha concluso Zanchetton.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su