Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Copagri Sardegna: in Gu indicazioni obblicatorie per ovo-caprino

colonna Sinistra
Lunedì 4 ottobre 2021 - 10:48

Copagri Sardegna: in Gu indicazioni obblicatorie per ovo-caprino

"Grande successo per il comparto e per i pastori"

Copagri Sardegna: in Gu indicazioni obblicatorie per ovo-caprino
Roma, 4 ott. (askanews) – “Dopo la rivolta dei pastori del febbraio 2019 e i numerosi confronti con due diversi ministri, volti a dare stabilità e trasparenza al mercato lattiero-caseario ovicaprino, arriva finalmente il decreto ministeriale con il quale vengono definite le modalità di applicazione delle dichiarazioni obbligatorie nel settore del latte e dei prodotti lattiero caseari nel settore ovi-caprino, forse il maggior risultato ottenuto dai pastori ‘senza bandiere’ e dalle organizzazioni agricole”. Lo sottolinea il direttore della Copagri Sardegna Pietro Tandeddu dopo la pubblicazione del testo sulla Gazzetta Ufficiale.


“E’ da ben otto anni – ricorda Tandeddu – che la Copagri sollecitava l’applicazione del Regolamento comunitario 1308/2013 sull’OCM UNICA per dare trasparenza al settore attraverso le comunicazioni del latte conferito, ma mentre il comparto del latte vaccino è stato regolamentato in tempi brevi, quello ovicaprino ha subito inspiegabili ritardi che ne hanno rallentato l’iter procedurale”.



“A questo punto, diventa fondamentale una rapida attuazione del sistema informativo, ponendo fine alle polemiche circa le giacenze e i quantitativi di latte prodotto. Stabilita l’obbligatorietà delle comunicazioni, avremo finalmente contezza della dimensione produttiva del comparto, dei quantitativi e delle tipologie di formaggi prodotte e delle giacenze di magazzino”, continua il direttore della Copagri Sardegna, ad avviso del quale “è altrettanto importante che le organizzazioni agricole, come richiesto più volte dalla Copagri, vengano indicate quali destinatarie dei dati aggregati, anche se confidiamo nella loro messa a disposizione da parte del Mipaaf e della Regione”.


“Con la certezza dei dati, avremo finalmente la possibilità di orientare le politiche settoriali di programmazione, con riferimento alla fase di produzione e agli altri segmenti di filiera; la conoscenza delle giacenze, per esempio, potrà in caso di eccessi dare una spinta all’autoregolamentazione della produzione di Pecorino Romano, che ha incontrato sinora parecchie difficoltà, in funzione di una stabilità dei prezzi”, fa notare il presidente della Copagri Sardegna Ignazio Cirronis.



“Il nuovo provvedimento ci dà una grande mano, ma rimaniamo convinti che lo sviluppo del comparto, come andiamo sostenendo da diverso tempo, passi attraverso lo scioglimento di alcuni nodi strutturali che interessano i produttori, i consorzi di tutela, la cooperazione, l’industria privata, Oilos e la Regione Sardegna, poco attenta in questi ultimi anni nei confronti di un settore che coinvolge l’intero territorio isolano dal punto di vista economico, sociale e culturale”, conclude Cirronis.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su