Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Dal primo settembre Monica Iacono nuovo CEO di Engie Italia

colonna Sinistra
Mercoledì 1 settembre 2021 - 12:13

Dal primo settembre Monica Iacono nuovo CEO di Engie Italia

Il gruppo piunta su transizione verso economia carbon neutral

Dal primo settembre Monica Iacono nuovo CEO di Engie Italia
Roma, 1 set. (askanews) – ENGIE Italia, player dell’energia e servizi con la missione di accelerare la transizione verso un’economia carbon neutral, ha annunciato oggi in un comunicato la nomina dal primo settembre 2021 di Monica Iacono Chief Executive Officer.


Iacono, 52 anni, dopo la laurea in legge e la specializzazione in Diritto Commerciale, inizia la sua carriera professionale nelle telecomunicazioni. Nel 2001 entra nel Gruppo ENGIE e assume ruoli eterogenei e di crescente responsabilità nella gestione dell’intera filiera dell’energia e dei servizi fino a essere nominata Direttore BtC per l’Italia. Nel 2020 prende in carico anche la responsabilità dell’IT & Digital e in seguito quella del Sourcing Portfolio Management. Dal 2016 è membro del Comitato Direttivo di ENGIE Italia.



“Ho avuto il privilegio di maturare le mie competenze in un settore oggi in forte evoluzione e di primaria importanza per il sistema economico e sociale e sono quindi onorata di assumere questo ruolo. – ha affermato Monica Iacono – “Noi di ENGIE siamo un attore di riferimento globale nell’energia a basse emissioni di CO2 e ci impegniamo ogni giorno per raggiungere la carbon neutrality entro il 2045. L’opportunità di guidare in Italia un player che vuole essere leader della transizione energetica e che sviluppa il suo business conciliando la performance economica e un impatto positivo sulle persone e sul pianeta alimenta ulteriormente il mio entusiasmo e rende ancora più stimolante il mio nuovo ruolo. Proseguiremo il nostro percorso strategico, già intrapreso in Italia e nel mondo, facendo leva sulla capacità di porre al centro clienti e collaboratori, per crescere e innovarci senza soluzione di continuità. Ringrazio il mio predecessore, Damien Térouanne, per aver dato nuova spinta a questo importante cambiamento, e gli auguro tanti nuovi successi nel suo nuovo rilevante ruolo all’interno del Gruppo. Con il Comitato Direttivo e i nostri 3.800 professionisti, siamo pronti per le sfide che ci attendono e per consolidare il nostro ruolo chiave nel mercato nazionale e quale country di riferimento all’interno del Gruppo.”




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su