Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Italmopa: produzione frumento duro in recupero su 2020

colonna Sinistra
Martedì 20 luglio 2021 - 17:21

Italmopa: produzione frumento duro in recupero su 2020

Incremento quotazioni per stime negative a livello internazionale

Italmopa: produzione frumento duro in recupero su 2020
Roma, 20 lug. (askanews) – La produzione nazionale 2021 di frumento duro ha fatto registrare, sotto il profilo quantitativo, e a trebbiatura ormai ultimata, un marginale recupero rispetto ai volumi produttivi costatati nel 2020, situandosi tra 3,850 e 3,900 milioni di tonnellate, con una crescita percentuale dell’1,5% circa rispetto al raccolto precedente.


Il raccolto appare, peraltro, particolarmente confortante sotto l’aspetto qualitativo anche se è stata riscontrata nella Regione Puglia, da sempre il maggior bacino di produzione del grano duro in Italia, una riduzione del contenuto proteico, principale parametro qualitativo della materia prima.



Questi i risultati dell’annuale monitoraggio sull’esito quanti-qualitativo del raccolto nazionale di frumento duro effettuato da Italmopa, l’Associazione aderente a Federalimentare e Confindustria che rappresenta in via esclusiva l’Industria molitoria italiana.


“Il raccolto nazionale 2021 è caratterizzato, per quanto riguarda i volumi di produzione, da una marcata disomogeneità a livello regionale: la Puglia, e, in misura minore, alcune Regioni del Centro Italia hanno registrato dati produttivi negativi, in controtendenza rispetto ai risultati particolarmente positivi registrati sia in Sicilia, sia in Emilia-Romagna” precisa Silvio Grassi, presidente Italmopa.”Complessivamente, la produzione nazionale permane carente del 40% circa rispetto al fabbisogno dell’industria molitoria, dato che conferma il ruolo di complementarietà delle importazioni rispetto alla produzione nazionale”, conclude.



La produzione internazionale, da parte sua, potrebbe registrare, sempre rispetto al 2020, una contrazione dei volumi riconducibile sia alla scarsità dei raccolti nel bacino del Mediterraneo, sia all’attesa flessione nel Nord America, per via delle condizioni climatiche particolarmente siccitose registrate nel corso delle ultime settimane.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su