Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Webuild: sottosegretario Cancelleri visita cantieri Bicocca-Catenanuova

colonna Sinistra
Lunedì 19 luglio 2021 - 19:09

Webuild: sottosegretario Cancelleri visita cantieri Bicocca-Catenanuova

Oltre 350 persone e una filiera di più di 300 imprese al lavoro per la linea

Webuild: sottosegretario Cancelleri visita cantieri Bicocca-Catenanuova
Milano, 19 lug. (askanews) – E’ un cantiere simbolo della mobilità sostenibile in Europa quello della tratta ferroviaria Bicocca-Catenanuova visitato oggi dal Sottosegretario di Stato per le Infrastrutture e la mobilità sostenibili, Giancarlo Cancelleri, e che vede il Gruppo Webuild impegnato nel progetto di mobilità sostenibile che porterà alla realizzazione della tratta Bicocca-Catenanuova della linea ferroviaria Palermo-Catania, in Sicilia. Le aree di lavoro presentano uno stato di avanzamento complessivo del progetto al 30%.


Webuild con Astaldi, rilevata in concordato dalla stessa Webuild nell’ambito di Progetto Italia, è oggi impegnata nella realizzazione di questa infrastruttura che ha Rete Ferroviaria Italiana (Gruppo FS) come committente e che vede impegnati ad oggi oltre 350 dipendenti diretti e indiretti e una filiera di oltre 300 imprese tutte italiane, di cui 184 locali.



La tratta Bicocca-Catenanuova è parte della linea ferroviaria Palermo-Catania, inserita dal Governo nel Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza che collegherà le due principali città siciliane a una velocità massima di 200 km/h e che rappresenta il più importante progetto infrastrutturale oggi in corso in Sicilia.


Il contratto, aggiudicato in consorzio al Gruppo Webuild e del valore complessivo di circa 207 milioni, prevede la progettazione esecutiva e l’esecuzione dei lavori di raddoppio di una sezione ferroviaria di 37,4 chilometri. Il contratto è parte di un progetto più ampio di RFI che, una volta ultimato, permetterà il collegamento tra Catania e Palermo in meno di due ore, con conseguenti benefici in termini di traffico ed emissione di CO2.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su