Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Bmw iX unveiling all’Adi, il Design Museum di Milano

colonna Sinistra
Martedì 6 luglio 2021 - 12:50

Bmw iX unveiling all’Adi, il Design Museum di Milano

Di Silvestre: "Obiettivo 25 modelli elettrificati nel 2023"

Bmw iX unveiling all’Adi, il Design Museum di Milano
Milano, 6 lug. (askanews) – Dopo l’avvio della produzione venerdì 2 luglio a Dingolfing in Germania, Bmw ha presentato all’Adi, il Design Museum Compasso d’Oro di Milano la nuova ammiraglia “born electric” iX che arriverà nei concessionari a novembre. Bmw ha investito 400 milioni per avviare la produzione della iX a Dingolfing, dove oltre a Serie 5, 7 e 8, si assembla anche il nuovo powertrain elettrico eDrive, “flessibile e scalabile” con motori di quinta generazione senza magneti e senza “terre rare” e batterie con una densità energetica del 40% superiore rispetto a quelle utilizzate lo scorso anno per la i3.


Bmw iX rappresenta una tappa importante per la casa di Monaco che investirà 30 miliardi entro il 2025 per l’elettrificazione della gamma, con l’obiettivo di ridurre le emissioni del 50% entro il 2030 come ha spiegato Massimiliano Di Silvestre, presidente e Ad di Bmw Italia. “Il processo di elettrificazione continuerà – ha detto – e l’obiettivo nel 2023 è di avere 25 modelli elettrificati, metà dei quali completamente elettrici. Nel 2025 succederà qualcosa di importante nel senso che cambieremo il paradigma del business dal punto di vista della produzione perché le auto nasceranno elettriche per poi derivare nelle motorizzazioni a combustione. Nel 2030 abbiamo un obiettivo molto chiaro di concentrare il 50% dei nostri volumi in motorizzazioni elettriche”.



La nuova iX vuole essere il “manifesto” della mobilità sostenibile e connessa di Bmw. L’ammiraglia full electric infatti è un concentrato di tecnologia: a bordo c’è il nuovo iDrive con sistema operativo 8 con display curvo con due schermi, un cruscotto “informativo” da 12,3” e uno di “controllo” da 14,9”, completati da un head up display (optional), connessione 5G per gli aggiornamenti over the air (Ota) e per il dialogo con altri veicoli e infrastrutture. I sistemi di assistenza alla guida potranno essere abilitati fino al livello 3 nel medio periodo grazie a 5 radar capaci di leggere fino a 300 metri, 5 telecamere a 8 mega pixel, 12 sensori a ultrasuoni e processori con una capacità di calcolo 20 volte superiore rispetto ai sistemi precedenti.


Due le versioni al debutto entrambe con doppio motore, sull’assale anteriore e posteriore, e trazione integrale: la Bmw iX xDrive50 da 523CV (765 Nm di coppia) con batteria da 111,5 kWh, fino 630 km di autonomia per uno 0-100 in 4,6 secondi, e la iX xDrive40 da 326CV (630 Nm) con batteria da 76,6 kWh, fino a 425 km di autonomia e uno scatto 0-100 in 6,1 secondi. La velocità è limitata a 200 km/h per entrambi i modelli. In futuro è in programma un modello ix M60 da 600CV. I consumi sono compresi fra 19 e 23 kWh/100Km. La capacità di ricarica in corrente continua è pari rispettivamente a 200 e 150 kW, che significa che la iX xDrive50 può passare dal 10 all’80% di ricarica in 35 minuti. “Le dimensioni importanti della batteria della iX xDrive50 sono il risultato di un punto di equilibrio fra percorrenza e presenza di infrastrutture. Oggi l’autonomia è importante per sopperire alla mancanza di colonnine, quando saranno più diffuse le batterie potranno essere più piccole”, ha detto Di Silvestre. Per le ricariche c’è la Bmw Charging Card che permette di accedere a tutte le colonnine pubbliche, il Flexible Fast Charger portatile che si può collegare a una normale presa di corrente con potenza fino a 11 kW o la Wallbox domestica fino a 22 kW. Fra i servizi è prevista la consegna e il ritiro dei veicoli per la manutenzione presso la propria abitazione.



Il design della Bmw iX è lunga come la X5 poco meno di 5 metri, ma è più bassa, con un passo più lungo e monta ruote fino a 22 pollici (optional) come la X7 per un peso di circa 2,5 tonnellate. Il design è caratterizzato da “linee pulite e filanti per evidenziare forme e proporzioni audaci”, ha spiegato Kai Langer responsabile del design delle Bmw “i”. Per ottimizzare l’aerodinamica che vanta un Cx di 0,25 le maniglie sono state integrate nel telaio, mentre la parte anteriore è caratterizzata dalla griglia a filo con doppio rene con telecamere e sensori incorporati. Il cofano si apre solo per la manutenzione per questo sotto il logo anteriore Bmw è stato “nascosto” il serbatoio per il liquido lavavetri. “Abbiamo delle aspettative molto importanti per la iX che non è pensata per un mercato specifico, ma per essere un prodotto globale”, ha detto Di Silvestre.


Le batterie sono integrate nel telaio per avere un baricentro basso, mentre la carrozzeria “carbon cage” ha una struttura mista di diversi materiali (alluminio, plastica e carbonio e acciaio ad alta resistenza) per ridurre i pesi senza rinunciare alla rigidità. Le sospensioni pneumatiche a controllo elettronico assicurano un assetto ottimale e fluidità di guida.



Gli interni sono progettati per “coccolare” l’utente. Il pianale è piatto e pulito senza tunnel centrale, con sedili comodi come poltrone con speaker integrati nei poggiatesta. Gli schermi touch e l’assistente vocale Bmw Intelligent Personal Assistant hanno permesso di ridurre del 50% il numero di pulsanti e comandi, dislocati sul volante e sulla console centrale vicino al controller a rotella (iDrive Controller). “Noi crediamo che la tecnologia non debba essere invasiva: ci deve essere solo quando serve e invisibile per il resto del tempo”, ha detto Langer.


Per aumentare comfort e piacere di guida sono possibili una decina di configurazioni My Mode (efficienti, sportive o personalizzate) che agiscono sulla dinamica di guida, sul recupero di energia in frenata regolabile fino al one pedal feeling e sull’ambiente dentro l’abitacolo. La navigazione utilizza il sistema Bmw Maps basato su cloud e Augmented Reality Video per semplificare la pianificazione dei percorsi, con il Range Horizon che indica l’impatto dello stile di guida sull’autonomia. Sul Bmw ConnectedDrive Store è possibile acquistare Functions on Demand. Per gli interni sono stati utilizzati materiali di riciclo come le reti da pesca per il rivestimento di pianale e tappetini, le finiture in “titan bronze” al posto delle cromature. “Puntiamo a prodotti premium senza sacrificare la sostenibilità”, ha spiegato Langer.


La Bmw iX è disponibile in due allestimenti normale e con pacchetto sportivo con prezzi a partire da 84mila euro per la versione xDrive40 e 103 mila euro per la xDrive50, con garanzia di 8 anni o 160mila km.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su