Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Riunione in R. Puglia su prezzi ciliegie in Gdo e remuneratività

colonna Sinistra
Giovedì 3 giugno 2021 - 14:29

Riunione in R. Puglia su prezzi ciliegie in Gdo e remuneratività

"Ad agricoltori prezzi non inferiori a costi produzione Ismea"

Riunione in R. Puglia su prezzi ciliegie in Gdo e remuneratività
Roma, 3 giu. (askanews) – La guerra delle ciliegie arriva in Regione Puglia, con l’impegno nell’immediato a ridefinire rapporti di trasparenza e costi con la GDO, riconoscere i prezzi agli agricoltori che non vadano al di sotto dei costi di produzione elaborati da Ismea, programmazione e aggregazione di prodotto per le campagne future e promozione sui mercati nazionali ed esteri. E’ l’esito della riunione convocata dall’Assessore regionale all’Agricoltura Donato Pentassuglia, su richiesta di Coldiretti Puglia, per far fronte comune contro le speculazioni e il deprezzamento sui mercati delle ciliegie pugliesi che in campagna costano meno di un caffè, tanto che gli agricoltori preferiscono non raccoglierle.


“Le importazioni di ciliegie dall’estero da Spagna, Grecia e Turchia stanno tra l’altro inquinando il mercato immettendo prodotto estero senza indicazione chiara dell’origine e della provenienza. E’ urgente mettere in campo controlli serrati per assicurare la possibilità ai consumatori di acquistare prodotto locale che, non essendo soggetto a lunghi tempi di trasporto, garantisce freschezza e genuinità uniche, soprattutto alla luce degli sforzi che gli imprenditori locali hanno compiuto per garantire un prodotto di alta qualità”, denuncia Pietro Piccioni, direttore di Coldiretti Puglia.



Con le pratiche sleali si aggravano le distorsioni dal campo alla tavola, visto che per ogni euro di spesa in prodotti agroalimentari freschi – aggiunge Coldiretti Puglia – come frutta e verdura solo 22 centesimi arrivano al produttore agricolo ma il valore scende addirittura a 2 centesimi nel caso di quelli trasformati dal pane ai salumi fino ai formaggi. La crisi causata dal Covid rischia di peggiorare la situazione, con ripercussioni sugli anelli più deboli della catena alimentare, gli agricoltori e i consumatori.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su