Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Gli yacht di The Italian Sea Group in Borsa, Armani tra gli investitori

colonna Sinistra
Lunedì 17 maggio 2021 - 10:38

Gli yacht di The Italian Sea Group in Borsa, Armani tra gli investitori

Procederà a una offerta e quotazione delle azioni sull'MTA
Gli yacht di The Italian Sea Group in Borsa, Armani tra gli investitori

Milano, 17 mag. (askanews) – The Italian Sea Group – player della nautica di lusso coi brand Admiral e Tecnomar, con sede a Marina di Carrara – è pronta a sbarcare sul mercato principale di Piazza Affari, con al fianco investitori del calibro di Giorgio Armani e del magnate belga Marc Coucke.

The Italian Sea Group ha annunciato, infatti, oggi la propria intenzione di procedere a una offerta e quotazione delle proprie azioni sull’MTA di Borsa Italiana. L’offerta consisterà nel collocamento, in parte, di azioni di nuova emissione e, in parte, di azioni poste in vendita dalla GC Holding controllata dall’Ad Giovanni Costantino. La società offrirà azioni di nuova emissione rinvenienti da un aumento di capitale con un obiettivo di raccolta lordo di circa 50 milioni di euro. Nell’ambito dell’offerta, due investitori istituzionali e qualificati -Alychlo, la società di investimento della famiglia dell’imprenditore Marc Coucke, e la Giorgio Armani – si sono impegnati, disgiuntamente, a sottoscrivere o acquistare, al prezzo di offerta, azioni per un numero complessivo pari a circa il 15% delle azioni in circolazione post offerta. Ad esito dell’offerta, GC Holding rimarrà l’azionista di maggioranza.

I proventi dell’Ipo, spiega il gruppo, verranno utilizzati per l’attuazione dei propri obiettivi strategici e, in particolare: il consolidamento della posizione di mercato nel settore della nautica di lusso di grandi dimensioni, concentrandosi sulla costruzione di yacht fino a 100 metri di lunghezza; il miglioramento della percezione dei propri marchi, stipulando accordi di collaborazione con i più famosi marchi del settore del lusso e archistar; e l’aumento della propria capacità produttiva anche attraverso l’acquisto di cantieri navali europei (ad esempio Italia, Turchia e Grecia).

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su