Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Terna avvia demolizione basi tralicci della linea aerea Dolo-Camin

colonna Sinistra
Venerdì 14 maggio 2021 - 11:30

Terna avvia demolizione basi tralicci della linea aerea Dolo-Camin

Saranno rimossi 24 basamenti. Durata cantieri prevista di 15 settimane
Terna avvia demolizione basi tralicci della linea aerea Dolo-Camin

Milano, 14 mag. (askanews) – Terna ha avviato questa mattina i lavori di demolizione delle fondazioni dei tralicci della linea aerea 380 kV Dolo-Camin, nelle aree di Venezia e Padova, che il nuovo progetto in cavo interrato non rende più necessarie. I lavori porteranno alla demolizione di 24 basamenti: 9 nel comune di Dolo, 4 nel comune di Vigonovo, 10 nel comune di Saonara e 1 nel comune di Padova. I cantieri avranno come obiettivo il ripristino dello stato dei luoghi come ante operam e prevedono una durata di circa 15 settimane.

All’evento erano presenti Roberto Marcato, assessore allo Sviluppo economico ed Energia della Regione del Veneto, Andrea Danieletto, sindaco di Vigonovo, e Adel Motawi, responsabile dei processi amministrativi di Terna. Le attività di rimozione sono state precedute da un intenso dialogo tra Terna e il Genio Civile di Venezia per definire le migliori modalità di demolizione delle fondazioni dei tralicci, collocati all’interno delle aree demaniali nelle vicinanze dell’Idrovia Padova-mare.

Il nuovo progetto in cavo interrato, esito del Protocollo di Intesa siglato da Terna e Regione del Veneto nel gennaio 2019, è stato avviato in autorizzazione lo scorso 22 ottobre e prevede un investimento di 140 milioni di euro. L’intervento è volto a migliorare l’affidabilità e la qualità del servizio elettrico. Il nuovo elettrodotto avrà una lunghezza di circa 16,5 km e permetterà la demolizione di quasi 32 km di elettrodotti aerei oggi esistenti: saranno 123 i tralicci smantellati e circa 95 gli ettari di territorio liberati da infrastrutture elettriche.

Terna, che a livello regionale gestisce oltre 5.100 km di linee e 63 stazioni elettriche, nell’ambito del proprio piano industriale 2021-2025, investirà in Veneto oltre 370 milioni per lo sviluppo e la resilienza della rete elettrica regionale. Di questi, circa 130 milioni sono destinati a interventi per ammodernamento degli asset esistenti.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su