Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Silvestrini (Cna): Semplificazioni primo banco di prova per ripresa

colonna Sinistra
Venerdì 7 maggio 2021 - 13:00

Silvestrini (Cna): Semplificazioni primo banco di prova per ripresa

Parti sociali possono essere determinanti se adeguatamente coinvolte
Silvestrini (Cna): Semplificazioni primo banco di prova per ripresa

Roma, 7 mag. (askanews) – Il Dl Sempliflicazioni rappresenta il primo banco di prova per accelerare sul fronte della ripresa economica del Paese. Ne è convinto il segretario generale della Cna, Sergio Silvestrini, che, in un’intervista ad Askanews, sottolinea il ruolo centrale delle parti sociali pronte a dare il proprio contributo al Governo guidato da Mario Draghi. Per alcuni settori dell’economia italiana, profondamente colpita dagli effetti della pandemia, è in corso una fase di recupero ma occorre garantire ancora credito e liquidità alle imprese. Il Pnrr, per Silvestrini, rappresenta una grande opportunità per realizzare tutte quelle riforme, dal fisco alla giustizia, che l’Italia aspetta da decenni.

La pandemia da Covid-19 ha messo in ginocchio il tessuto produttivo del Paese. Qual è la situazione delle imprese da voi rappresentate?

“La crisi ha colpito l’intera economia, anche se con intensità diverse. Per molte attività il quadro è in positivo recupero, mentre per le altre, oltre a scontare ritardi nella ripartenza, le prospettive sono ancora purtroppo molto incerte. Manifattura, servizi alla persona ad esempio stanno tornando pressochè ai livelli pre crisi. Per il turismo possiamo confidare in un rimbalzo significativo estivo, ma per eventi, fiere, trasporto persone e per lo stesso turismo d’affari le prospettive restano davvero molto deboli”.

Come giudicate le azioni a sostegno delle aziende messe in campo dal governo Draghi?

“Il Governo si sta, con tutta evidenza, muovendo su due direttrici: proseguire e completare gli interventi di sostegno all’economia, ferita dalla crisi, e creare le condizioni per una ripresa duratura e sostenibile. Da un lato, quindi, i due decreti sostegni e dall’altro il ben più corposo Piano di ripresa e resilienza. I decreti sostegni hanno parzialmente corretto i criteri per erogare i contributi a fondo perduto, accogliendo positivamente ciò che avevamo chiesto in passato. Tuttavia sono ancora troppe le imprese che restano escluse dagli indennizzi. L’importante, ora, è l’impegno per la riscrittura e la trattativa con Bruxelles per il Piano di ripresa sul quale il Paese ripone grandi aspettative, sia sul fronte della realizzazione di quelle riforme sempre annunciate e sempre rinviate. A partire da quella della pubblica amministrazione che rappresenta la principale zavorra per le piccole imprese. E poi quella del fisco, la giustizia. Ma anche l’ammodernamento del Paese in termini di dotazioni infrastrutturali, capitale umano, e quindi scuola e formazione, politiche per l’innovazione e il digitale e investimenti sulle politiche, in particolare a favore dell’artigianato e delle piccole imprese”.

Quali misure vi aspettate dal Governo nel breve periodo?

“Il primo banco di prova sarà quello delle semplificazioni. Ci aspettiamo un intervento efficace, anche sul Superbonus 110% per snellire le procedure richieste. Semplificazione ed estensione ad altre tipologie d’immobili e penso ai capannoni artigiani e agli alberghi. La proroga della misura è la condizione per sfruttare l’enorme potenziale del Superbonus ancora, purtroppo, parzialmente inespresso. Le risorse del Pnrr sono rilevanti e tolgono ogni alibi alla politica che, a questo punto, noi crediamo sia chiamata a confrontarsi solo sulla serietà, sulla concretezza, sulla capacità di progettazione e realizzazione. Siamo convinti che le parti sociali possano svolgere un ruolo determinante nelle scelte se adeguatamente coinvolte dal Governo e dalle Istituzioni. C’è poi la questione del credito e della liquidità. Si deve davvero fare di più, a partire dalla proroga della moratoria fino a gennaio 2022 per non rischiare di passare da una crisi di liquidità delle imprese a quella ben più grave della solvibilità. Quindi bisogna mettere in tranquillità e sicurezza tutto il mondo delle imprese”.

Il decreto Riaperture e la questione del coprifuoco hanno sollevato numerose critiche. Qual è la vostra posizione?

“Il Governo deve completare con rapidità ed efficacia la campagna vaccinale che, in questi giorni, pare abbia preso velocità e anche sistematicità. In parallelo deve definire una chiara road map delle riaperture per consentire a migliaia d’imprese un minimo di capacità di programmazione. Il calendario poteva e doveva essere più coerente, con meno discriminazioni nei confronti di molti settori. Certamente le migliorate condizioni sanitarie stanno inducendo il Governo ad assumere scelte più coraggiose ed audaci che confidiamo possano strutturarsi nelle prossime settimane parallelamente all’incremento di capacità di vaccinazione”.

(Di Maria Luigia Pilloni)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su