Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Imprese friulane dell’agrifood alla sfida della sostenibilità

colonna Sinistra
Lunedì 1 marzo 2021 - 11:21

Imprese friulane dell’agrifood alla sfida della sostenibilità

Torna a Udine il Salone della Csr e dell'innovazione sociale
Imprese friulane dell’agrifood alla sfida della sostenibilità

Milano, 1 mar. (askanews) – Quanto del cibo che mangiamo e dei prodotti che acquistiamo è realmente legato al territorio in cui viviamo, e che impatto ha su di esso?. Indagini di mercato e analisi confermano che è in continua crescita l’interesse dei consumatori sulle caratteristiche di sosteniblità intrinseche nei prodotti che vengono portati in tavola: interesse che si concretizza per esempio nelle scelte di etichetti con claim “verdi” o di prodotti fortemente collegati al territorio. Ma quale è l’atteggiamento delle imprese? L’importanza dell’utilizzo delle risorse e le scelte produttive nel settore alimentare saranno oggetto dell’incontro Bioeconomia e agrifood responsabile per il territorio, tappa di Udine del Salone della CSR e dell’innovazione sociale, realizzata in collaborazione con Animaimpresa, associazione impegnata da anni nella promozione della CSR sul territorio, e con l’Università degli Studi di Udine. L’incontro sarà trasmesso in diretta streaming martedì 2 marzo 2021 dalle 10 alle 12:15. La partecipazione è gratuita con una semplice registrazione al seguente link: http://www.csreinnovazionesociale.it/tappa/udine2021/ “I temi della sostenibilità ambientale, economica e sociale sono al centro di molte iniziative formative e numerose attività di ricerca dell’Università di Udine – sottolinea Renata Kodilja, referente Educazione, Gruppo di Lavoro Uniud sostenibile – La tappa udinese, appuntamento ormai tradizionale del Salone, rappresenta un’occasione per discutere e promuovere la sostenibilità dei sistemi bioeconomici e agroalimentari, con particolare attenzione alle realtà del territorio del Friuli Venezia Giulia. Alcuni temi come la gestione sostenibile delle risorse, la sicurezza alimentare, l’attenzione alla biodiversità del territorio, l’importanza delle filiere locali, rappresenteranno occasioni di iter-scambio tra esperti del nostro ateneo, all’avanguardia nella ricerca, e realtà produttive del territorio”. “La bioeconomia rappresenta un’eccellenza per il nostro territorio, così come per l’intero Paese – aggiunge Fabio Pettarin, presidente Associazione Animaimpresa – Attraverso Animaimpresa siamo in contatto con molte aziende locali, che operano nel sistema agrifood e bioeconomico in genere, capaci di integrare la sostenibilità ambientale e sociale e di garantire eccellenze produttive. Il Friuli Venezia Giulia, inoltre, si sta adoperando per riconoscere a livello sistemico gli Obiettivi di Agenda 2030 delle Nazioni Unite, traducendoli in opportunità competitiva per le imprese”. “Salute, corretta alimentazione, qualità della vita sono argomenti centrali quando si parla di sviluppo sostenibile – afferma Rossella Sobrero, del Gruppo promotore del Salone – Mi fa piacere che nella tappa di Udine venga affrontato il tema della bioeconomia che si sposa bene con i principi della sostenibilità e in particolare con il concetto di circolarità. Una bioeconomia circolare e sostenibile richiede un approccio interdisciplinare perché coinvolge attori di settori tradizionali come l’agricoltura ma anche discipline innovative come la biotecnologia e la bioenergia”. Apriranno l’incontro udinese Francesco Marangon, delegato del Rettore per la Sostenibilità dell’Università degli Studi di Udine, e Fabio Pettarin, presidente dell’Associazione Animaimpresa.

Interverranno Gian Paolo Cesaretti, coordinatore del gruppo di lavoro Goal 2 ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Maria Cristina Nicoli, professoressa ordinaria di Scienze e tecnologie alimentari dell’Università degli Studi di Udine, Roberto Venturini, della Direzione centrale risorse agroalimentari, forestali e ittiche della Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia, Renata Kodilja, referente Educazione, Gruppo di Lavoro Uniud sostenibile. Saranno poi presentate le buone prassi di alcune imprese del territorio – illycaffè, Cluster Agrifood FVG, Roncadin, Birrificio 620 Passi, Pasticceria Mosaico – e sarà raccontata l’esperienza innovativa di Soplaya. Il tema del Salone 2021 è Rinascere sostenibili e propone un ricco programma di eventi aperti alla partecipazione di tutti. Le esperienze dei territori saranno raccontate nel Giro d’Italia della CSR: fino a giugno l’Italia sarà attraversata da Nord a Sud in un percorso che metterà in evidenza le buone prassi di sostenibilità. Il percorso si concluderà all’Università Bocconi di Milano il 12 e 13 ottobre 2021 con una due giorni di incontri, dibattiti, workshop, seminari. Il Salone della CSR e dell’innovazione sociale è promosso da Università Bocconi, CSR Manager Network, Global Compact Network Italia, ASviS – Alleanza Italiana per lo Sviluppo Sostenibile, Fondazione Sodalitas, Unioncamere, Koinètica.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su