Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Punch Hydrocells, gruppo belga punto su Torino per l’idrogeno

colonna Sinistra
Giovedì 25 febbraio 2021 - 13:52

Punch Hydrocells, gruppo belga punto su Torino per l’idrogeno

Sede in ex centro ricerca GM, investimento di 2 mln
Punch Hydrocells, gruppo belga punto su Torino per l’idrogeno

Milano, 24 feb. (askanews) – Il gruppo belga dell’automotive Punch Group ha lanciato Punch Hydrocells con sede a Torino, che avrà come obiettivo lo sviluppo, la fornitura e l’integrazione di sistemi di propulsione e accumulo di energia basati sull’idrogeno. Punch Hydrocells si affiancherà a Punch Torino che un anno fa ha rilevato l’ultimo presidio di General Motors in Europa, il centro di ingegneria e sviluppo nella Cittadella Politecnica del capoluogo piemontese, che oggi conta circa 700 dipendenti.

La decisione di dar vita a Punch Hydrocells arriva in seguito alla creazione, lo scorso gennaio, dell’alleanza di imprese H2-Ice per creare una filiera dell’idrogeno in Italia. A farne parte, oltre Punch Torino, la Industria Italiana Autobus, controllata da Leonardo e Invitalia, la Avl Italia con sede a Torino un centro di ricerca a Cavriago in Emilia Romagna e di Landi Renzo, attiva negli impianti a gas e idrogeno per l’automotive. H2-Ice punta a realizzare entro l’inizio del 2023 un bus a idrogeno con motore diesel che sarà dato in dotazione all’azienda di trasporti regionale emiliana (Tper) per arrivare, in prospettiva, ad accordi con altre aziende di trasporto.

Alla base del progetto la convinzione che l’utilizzo delle competenze esistenti sia la vera scommessa nel percorso di riconversione delle attuali tecnologie per far fronte alle sfide della transizione energetica e della decarbonizzazione. Punch Hydrocells avrà a disposizione un team con un’ampia rosa di competenze, che spazieranno dall’Intelligenza Artificiale, all’elettronica di controllo, all’ingegneria meccanica ed elettrica, con un’attenzione particolare all’utilizzo dell’energie rinnovabili. Si tratta di un progetto a lungo termine, e lo riprova lo stanziamento di oltre due milioni di euro che sarà utilizzato per convertire due sale prova motore attualmente in forza al centro di ingegneria in altrettante sale-test dedicate allo sviluppo delle tecnologie H2.

Punch Hydrocells si aggiunge alle altre società del gruppo belga che oltre Punch Torino, conta Punch Flybrid che sviluppa sistemi di recupero di energia in Inghilterra, Punch Precision che produce telai in alluminio ed infine Punch Powerglide, specializzata nella progettazione, sviluppo e produzione di trasmissioni automatiche anche per marchi premium a Strasburgo.

“Nel corso degli anni, Punch Torino ha sviluppato diversi tipi di tecnologie e competenze, incluse quelle legate al settore dell’idrogeno. Il Gruppo Punch ha ora deciso di costituire una società dedicata, Punch Hydrocells, per coglierne appieno il potenziale di crescita, al fine di includere nuove soluzioni nella “piattaforma idrogeno”, ha detto Guido Dumarey, fondatore e Ceo di Punch Group.

“La creazione di Punch Hydrocells rappresenta uno dei primi passi che consentiranno al gruppo di espandere il proprio business in uno dei settori più promettenti della transizione energetica, ma sarà anche uno degli elementi complementari ad uno sviluppo industriale in cui PUNCH crede e che vedrà in futuro ulteriori rafforzamenti e diversificazioni”, ha detto Pierpaolo Antonioli, Ceo di Punch Torino

“Punch Hydrocells crede in un futuro ad emissioni zero, in cui l’energia proverrà da fonti rinnovabili e avrà nell’idrogeno verde uno dei suoi principali vettori”, ha concluso Stefano Caprio, Coo di Punch Hydrocells.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su