Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Cybersecurity, a Yoroi la massima certificazione di affidabilità

colonna Sinistra
Mercoledì 13 gennaio 2021 - 15:17

Cybersecurity, a Yoroi la massima certificazione di affidabilità

Dalla rete mondiale dei Cert. Prima e unica azienda in Italia
Cybersecurity, a Yoroi la massima certificazione di affidabilità

Roma, 13 gen. (askanews) – Yoroi ha ottenuto, “prima e unica società in Italia”, la certificazione di qualità del proprio Cert, il Computer emergency response team, al terzo livello da Trusted Introducer, la rete di fiducia dei Cert mondiali fondata in Europa nel 2000, un’autorità nel settore.

L’accreditamento di Trusted Introducer, spiega la società di Cesena, “che presuppone vincoli di sicurezza, obblighi deontologici e impegni di cooperazione verso la comunità degli esperti di sicurezza, è una prova ulteriore della qualità della presenza di Yoroi nella comunità internazionale degli esperti di cybersecurity”.

Dopo un percorso durato più di tre anni, Yoroi ha così raggiunto l’ultimo livello di certificazione della prestigiosa rete. Il terzo Livello certifica l’azienda italiana come Sim3 (Security incident management maturity model) poichè garantisce un’alta qualità nella gestione degli incidenti informatici secondo la progressione dal primo al terzo e ultimo: da “Listed” ad “Accredited” fino a “Certified”.

Si tratta di un riconoscimento importante alla fine di un anno che ha visto in Italia e nel mondo l’aumento esponenziale degli attacchi informatici a tema Covid, dell’avanzata delle botnet (i computer zombie) usati per gli attacchi Ddos (distributed denial of service) contro banche e imprese, la compromissione della supply chain (la catena di distribuzione), di importanti fornitori di tecnologia e le insidie portate da gruppi di spionaggio cibernetico che attentano sia al Made in Italy sia alla ricerca sanitaria e farmaceutica.

Il percorso di accreditamento applicato da Trusted Introducer “qualifica le buone pratiche e favorisce la collaborazione in rete tra team di sicurezza per la risposta agli incidenti informatici per rendere sempre più efficace la protezione dei dati di cittadini, aziende e infrastrutture nazionali, alcune delle quali sono cruciali per il benessere e il funzionamento della società”.

“Non è stato un percorso semplice – sostiene l’amministratore delegato di Yoroi, Marco Ramilli – e la difficoltà nel raggiungimento della certificazione risiede nella creazione di un’organizzazione interna che sia resiliente e ‘automigliorativa’. Un progetto, quindi, molto più complesso che il superamento di ‘semplici test’ in quanto è necessario organizzare l’intera struttura in modo specifico, oltre che nella preparazione di un team che sappia affrontare la prova della certificazione”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su