Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Zeta Service: Pensare fuori dagli schemi e adattarsi ai cambiamenti

colonna Sinistra
Venerdì 18 settembre 2020 - 12:38

Zeta Service: Pensare fuori dagli schemi e adattarsi ai cambiamenti

L'azienda eletta tra le 15 Best Workplaces for Innovation 2020
Zeta Service: Pensare fuori dagli schemi e adattarsi ai cambiamenti

Roma, 18 set. (askanews) – Cosa vuol dire “innovare” in una società che corre e cambia a ritmi serratissimi, e a chi deve essere demandato tale compito? Spesso parlando di innovazione si pensa ai laboratori di ricerca o ai colossi dell’informatica, ma la realtà è che non si tratta di qualcosa legato ad un ambito o ad un ruolo specifico, bensì di un modo di affrontare le cose ogni giorno. A dimostrarlo è Zeta Service, realtà italiana fondata e guidata da Silvia Bolzoni, attiva nei settori del payroll, consulenza del lavoro e consulenza risorse umane, che lo scorso luglio è stata inserita nella prestigiosa classifica Best Workplaces™ for Innovation 2020. Niente intelligenza artificiale o esperimenti scientifici per l’azienda specializzata in elaborazione di buste paga, che conta 8 sedi sul territorio nazionale e oltre 300 collaboratori. Qui innovare vuol dire pensare fuori dagli schemi, adattandosi ai cambiamenti e mettendo la componente umana spesso davanti a quella economica.

“Il nostro core business – spiega Silvia Bolzoni, presidente e Ceo della società – è l’elaborazione delle buste paga e in questo per noi la tecnologia e la sua evoluzione sono fondamentali, ma abbiamo una visione più ampia del concetto di innovazione che per noi vuole dire pensare fuori dai soliti schemi lavorativi, guidando con coraggio e passione un nuovo approccio al lavoro e alle persone. Significa adattarsi al cambiamento senza opporre resistenza e cogliendo le opportunità di ogni nuova sfida. Per innovare e migliorare occorre costruire un ambiente di lavoro che non tema il cambiamento, ma sia pronto ad accoglierlo con serenità. Ascolto dei collaboratori, ascolto dei clienti e uno sguardo attento a ciò che accade ogni giorno anche al di fuori della nostra azienda, ci hanno permesso negli anni di trasformarci in un’azienda che 300 persone chiamano casa. Lavorare in un ambiente positivo e stimolante consente di dare il meglio di sé, di avere nuove idee e, soprattutto, di avere il desiderio di condividerle. Credo che sia proprio la condivisione la base per l’innovazione. Condivisione di esperienze, di idee, di competenze e di riflessioni. È questo che porta a cambiare in meglio le cose, ad innovare e, quindi, a crescere”.

Il lockdown è stato un periodo durissimo per le aziende praticando una sorta di selezioni darwiniana. In questo contesto la capacità di innovare si è dimostrata fondamentale per mantenere la competitività. “Sicuramente – afferma Bolzoni – la capacità di innovare intesa come saper cogliere il lato positivo di crescita anche nelle difficoltà è decisiva per restare protagonisti sul mercato. In Zeta Service abbiamo sempre lavorato sul cogliere le opportunità di ogni cambiamento e così quando ci siamo trovati a dover stravolgere il nostro modo di lavorare in un solo giorno, siamo riusciti a muoverci in modo coeso. Zeta Service è rimasta in smart working per oltre 5 mesi dal 21 febbraio (e ad oggi richiediamo la presenza in ufficio solo per due giorni a settimana), il giorno in cui è stato accertato il primo caso in Italia e in cui ho deciso di chiudere le sedi. Fortunatamente lo smart working e il lavoro da casa in caso di necessità sono sempre stati nelle nostre corde, quindi eravamo preparati, sapevamo cosa fare anche se non lo avevamo mai fatto per tutti contemporaneamente e per questo io ero molto preoccupata. Non nascondo che non riuscivo a immaginare come si potesse lavorare contemporaneamente da 300 sedi diverse, in Zeta Service la regola per lo smart working era: due giorni al mese avendo l’accortezza di non sovrapporsi negli stessi team. Come spesso accade però – prosegue Bolzoni – la realtà spazza via le regole che ci siamo dati per stare tranquilli e ci mette davanti all’esigenza di rivedere tutto velocemente e di innovare appunto, e così è stato per me: l’assoluta volontà di tutelare i collaboratori e il senso responsabilità hanno avuto la meglio su ogni timore. E’ stato un periodo molto intenso, tutti noi abbiamo dovuto affrontare molte cose insieme, il cambiamento del modo di lavorare, l’isolamento, la paura… eppure le nostre persone hanno svolto il loro lavoro con estrema serietà e grandissimo senso di responsabilità, i clienti ci hanno ringraziato per il modo in cui abbiamo dato continuità al servizio nonostante – per noi che ci occupiamo di elaborazione delle buste paga, amministrazione del personale e consulenza del lavoro – la mole di lavoro sia esponenzialmente aumentata con il susseguirsi dei vari decreti, tutti da studiare e analizzare, le numerose richieste di cassa integrazione e l’elaborazione di oltre 100.000 buste paga al mese che ovviamente abbiamo assolutamente garantito e siamo molto felici di questo e delle reazioni positive e di vicinanza dei nostri clienti”.

L’innovazione, oltre che di processi, è fatta di persone. Saper individuare i talenti e creare una squadra in grado di lavorare in modo sinergico è, dunque, determinante per avere successo. Per questo l’individuazione delle persone giuste è imprescindibile. “Quando cerchiamo nuove persone da far entrare nel nostro team – sottolinea Bolzoni – diamo molta importanza alle competenze relazionali e trasversali: empatia, ascolto, positività. Siamo infatti convinti che le competenze tecniche siano migliorabili e trasferibili attraverso la formazione (che in Zeta Service è costante), ma c’è qualcosa che riguarda l’indole delle persone che invece è innata. Noi curiamo con estrema attenzione il nostro ambiente lavorativo (siamo secondi nella classifica dei migliori posti di lavoro in Italia secondo il Great Place To Work Institute e diciassettesimi in Europa), quindi ogni inserimento viene valutato con cura e ricerchiamo persone in linea con i nostri valori e con la nostra volontà di mettere al centro i collaboratori e i clienti”.

L’efficienza di un’impresa si misura anche dal ‘benessere’ dei propri dipendenti. Un aspetto che incide positivamente sulle performance e sul clima aziendale. Di questo aspetto, spiega ancora Bolzoni, “siamo più che convinti da sempre siamo un’azienda molto attenta al benessere delle persone ma questa divisione in azienda ha ufficializzato un nostro modo di essere, coinvolgendo a pieno i collaboratori nella gestione dei benefit e dei servizi, questo ha creato ancora più coesione, collaborazione e fiducia verso Zeta Service. Non a caso abbiamo una divisione permanente che si chiama ‘Felicità e valori'”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su