Header Top
Logo
Mercoledì 20 Novembre 2019

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Federsalus: il 65% degli italiani consuma integratori alimentari

colonna Sinistra
Giovedì 28 febbraio 2019 - 16:48

Federsalus: il 65% degli italiani consuma integratori alimentari

Fatturato da 3,3 miliardi; associazione nazionale compie 20 anni
Federsalus: il 65% degli italiani consuma integratori alimentari

Roma, 28 feb. (askanews) – Il 65% degli italiani adulti ricorre agli integratori alimentari per mantenere il proprio stato di benessere, ben 32 milioni di persone. Un settore florido, che ha visto una grande crescita negli ultimi 15 anni e che ora si è consolidato, come conferma l’indagine “La filiera italiana dell’integratore alimentare” presentata alla Camera dei deputati.

Marco Fiorani, presidente di FederSalus, associazione nazionale che comprende circa 200 aziende del settore:

“Oggi il fatturato industriale nei tre canali rilevati che sono la Farmacia, la Parafarmacia e la Grande distribuzione è di oltre 3,3 miliardi, in crescita del 5% rispetto all’anno scorso”.

Il fatturato industriale del 2017 ha rilevato un aumento del 12% rispetto all’anno precedente (1,33 miliardi di euro). A 20 anni dalla sua nascita, FederSalus afferma così il primato europeo del settore per produzione – realizzata per il 73% in Italia – e vendita di integratori alimentari. Il direttore generale di FederSalus, Massimiliano Carnassale:

“Abbiamo fatto 20 anni, è un percorso lungo complesso elaborato che però sta dando i risultati del lavoro che abbiamo disseminato in questi 20 anni – ha spiegato – Il mercato nel frattempo si è consolidato, è diventato un mercato di riferimento anche in farmacia, ha conquistato indubbiamente la fiducia del consumatore, che ha continuato ad acquistare questi prodotti di qualità, di contenuto scientifico, proprio perché evidentemente soddisfacevano i suoi bisogni della salute”

A prescrivere gli integratori, nel frattempo, sono anche i medici. Chi li acquista segue il loro consiglio o si affida ai farmacisti.

“Le sfide sul futuro sono notevoli sono complesse ce ne sono molte da un punto di vista regolatorio, ma come è stato ricordato le istituzioni, la società più ampiamente, stanno chiedendo agli integratori alimentari un ruolo sempre più evidente nella prevenzione primaria, nel mantenimento dei sani e in buona salute”, aggiunge Carnassale.

Il modello di produzione prevalente, fiore all’occhiello del made in Italy, è quello del contract manufacturing (produzione in conto terzi), modello industriale utilizzato in Italia da importantissime multinazionali farmaceutiche, a riprova della qualità produttiva.

Secondo lo studio, le aziende del settore hanno investito soprattutto in impianti e nuovi macchinari, in ricerca e sviluppo, tecnologie e formazione del personale (nel 2017). Positivi i dati anche sull’occupazione, in crescita dell’8.7%. E ora in molti guardano all’estero:

“Abbiamo visto che le aziende che hanno internazionalizzato hanno dichiarato un aumento del fatturato molto superiore rispetto alle aziende che invece non hanno internazionalizzato – ha spiegato il presidente, sottolineando – L’industria italiana dell’integratore alimentare è riconosciuta come un’eccellenza a livello internazionale e questo è un dato riconosciuto che consente alle nostre aziende che hanno le risorse e le strutture per potersi affacciare all’estero di conquistare molti mercati sia a livello europeo che extraeuropeo”, ha detto Fiorani.

FederSalus sta attivando un desk internazionalizzazione, in collaborazione con ICE – Italian Trade Agency, per supportare le aziende verso i mercati esteri. Nel 2019, attraverso l’organizzazione di incontri BtoB con operatori internazionali e di collettive nelle più importanti exhibition del settore, l’Associazione sarà a Ginevra, a Tokyo e a Chicago.

Una conferma dell’eccellenza della filiera italiana degli integratori alimentari arriva dai risultati inediti dell’analisi di bilancio che ELITE Borsa Italiana ha condotto per FederSalus su un campione rappresentativo di aziende ampiamente attive in Italia. Il settore degli integratori alimentari rientra nel network di eccellenza di ELITE. Dall’analisi emergono performance molto interessanti del settore, che risulta in crescita anno dopo anno. L’analisi evidenzia inoltre una propensione all’innovazione delle aziende del settore confermata della valorizzazione della dinamica degli investimenti industriali.

“Siamo orgogliosi di avviare oggi una Partnership con Federsalus con l’obiettivo di offrire opportunità di sviluppo e visibilità alle imprese della settore della nutraceutica – ha affermato Luca Peyrano, Amministratore Delegato di ELITE – caratterizzato da tassi di crescita importanti e una forte vocazione internazionale. ELITE che conta oggi oltre 1000 aziende da 40 paesi, rappresenta infatti una piattaforma unica per accelerare la crescita attraverso network, competenze e confronto per tutte quelle aziende del settore che stanno investendo con determinazione in progetti di innovazione e internazionalizzazione”.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su