Header Top
Logo
Giovedì 7 Luglio 2022

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Banco Bpm supera requisiti patrimoniali fissati da Bce

colonna Sinistra
Mercoledì 27 dicembre 2017 - 19:57

Banco Bpm supera requisiti patrimoniali fissati da Bce

Francoforte chiede 8,875% di Cet1 e 12,375% per ratio solvibilità

Roma, 27 dic. (askanews) – Per il 2018, la Bce in sede di Srep (revisione prudenziale annuale) ha fissato per Banco Bpm i seguenti requisiti patrimoniali da rispettare su base consolidata : 8,875% di Common Equity Tier 1 ratio, secondo i criteri transitori in vigore per il 2018: 12,375% di Total Capital ratio, secondo i criteri transitori in vigore per il 2018. Lo comunica la banca seguito della notifica ricevuta dalla Bce.

“Al 30 settembre 2017, il Gruppo Banco Bpm superava ampiamente tali requisiti prudenziali, registrando rispettivamente i seguenti coefficienti patrimoniali effettivi: 11,01% di Common Equity Tier 1 ratio, secondo i criteri transitori in vigore per il 2017: di 13,86% Total Capital ratio, secondo i criteri transitori in vigore per il 2017” è scritto nella nota di Banco Bpm.

Tenendo invece conto delle rilevanti operazioni straordinarie di bancassurance e asset management, i valori pro-forma salirebbero rispettivamente a: 12,58% di Common Equity Tier 1 ratio, secondo i criteri transitori in vigore (12,23% in ottica fully phased);15,59% di Total Capital ratio, secondo i criteri transitori in vigore (14,89% in ottica fully phased).

“Si evidenzia peraltro che i ratio del Gruppo allo stato non beneficiano ancora dell’impatto positivo atteso dall’estensione dell’adozione dei modelli AIRB al portafoglio della ex BPM. Tutti i requisiti transitori sopra indicati includono il requisito di capitale Pillar 2 (P2R) pari al 2,50% (interamente in termini di CET 1 Capital, in crescita di 10pb rispetto al requisito precedentemente assegnato) e la riserva di conservazione del capitale pari all’1,875% (1,25% nel 2017, in crescita di 62,5pb per la graduale applicazione del regime transitorio previsto per tutto il sistema bancario)”.

“Si rammenta inoltre che, a seguito della comunicazione di Banca d’Italia del 30 novembre 2017, detta Autorità ha identificato il gruppo bancario Banco Bpm come istituzione a rilevanza sistemica (Other Systemically Important Institution, O-SII) autorizzata in Italia per il 2018; a tale riguardo si precisa che la riserva O-SII è per il 2018 pari a zero, mentre è richiesto a Banco BPM il graduale raggiungimento di una riserva pari allo 0,25% con incrementi lineari a partire dal 1° gennaio 2019 al 1° gennaio 2022” conclude la nota.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra