Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Aerei, Iata: a settembre traffico passeggeri +57% su anno

colonna Sinistra
Lunedì 7 novembre 2022 - 13:17

Aerei, Iata: a settembre traffico passeggeri +57% su anno

A livello globale, il traffico è ora al 73,8% dei livelli di settembre 2019

Aerei, Iata: a settembre traffico passeggeri +57% su anno
Roma, 7 nov. (askanews) – Il traffico aereo si conferma in netta ripresa. E’ quanto emerge dai dati di settembre resi noti dall’Associazione Internazionale del Trasporto Aereo (IATA) ha annunciato i dati relativi ai passeggeri. Il traffico totale di settembre 2022 (misurato in passeggeri-chilometro (RPK)) è aumentato del 57% rispetto a settembre 2021. A livello globale, il traffico è ora al 73,8% dei livelli di settembre 2019.


Il traffico nazionale di settembre 2022, spiega una nota, è aumentato del 6,9% rispetto al periodo dell’anno precedente. Il traffico nazionale totale di settembre 2022 è stato pari all’81% del livello di settembre 2019. Il traffico internazionale è aumentato del 122,2% rispetto a settembre 2021. Gli RPK internazionali di settembre 2022 hanno raggiunto il 69,9% dei livelli di settembre 2019. Tutti i mercati hanno registrato una forte crescita, guidata dall’Asia-Pacifico.



“Anche in presenza di incertezze economiche e geopolitiche, la domanda di trasporto aereo continua a recuperare terreno. L’eccezione è ancora la Cina, che persegue una strategia zero COVID mantenendo le frontiere in gran parte chiuse e creando un giro di montagne russe della domanda per il suo mercato interno, con un settembre in calo del 46,4% rispetto all’anno precedente. Questo è in netto contrasto con il resto dell’Asia-Pacifico che, nonostante la performance negativa della Cina, ha registrato un aumento del 464,8% del traffico internazionale rispetto al periodo dell’anno precedente”, ha dichiarato Willie Walsh, Direttore Generale della IATA.


Le compagnie aeree dell’Asia-Pacifico hanno registrato un aumento del 464,8% del traffico a settembre rispetto a settembre 2021, il tasso più elevato su base annua tra le regioni. La capacità è aumentata del 165,3% e il fattore di carico è salito di 41,5 punti percentuali al 78,3%. Il traffico di settembre dei vettori europei è aumentato del 78,3% rispetto a settembre 2021. La capacità è aumentata del 43,8% e il load factor è salito di 16,3 punti percentuali all’84,1%, il secondo più alto tra le regioni. Le compagnie aeree del Medio Oriente hanno registrato un aumento del traffico del 149,7% a settembre rispetto al settembre 2021. La capacità di settembre è aumentata del 63,5% rispetto al periodo dell’anno precedente e il load factor è salito di 27,6 punti percentuali all’80,0%. I vettori nordamericani hanno registrato un aumento del traffico del 128,9% a settembre rispetto al periodo 2021. La capacità è aumentata del 63,0% e il load factor è salito di 24,6 punti percentuali all’85,4%, il più alto tra le regioni per il quarto mese consecutivo. Il traffico delle compagnie aeree latinoamericane a settembre è aumentato del 99,4% rispetto allo stesso mese del 2021. La capacità di settembre è salita del 73,7% e il fattore di carico è aumentato di 10,8 punti percentuali all’83,5%.



Le compagnie aeree africane hanno registrato un aumento del 90,5% degli RPK di settembre rispetto a un anno fa. La capacità di settembre 2022 è aumentata del 47,2% e il load factor è salito di 16,7 punti percentuali al 73,6%, il più basso tra le regioni.


In controtendenza il settore cargo che mostra un indebolimento della domanda di trasporto aereo di merci. La domanda globale, misurata in tonnellate-chilometro cargo (CTK), spiega la Iata, è scesa del 10,6% rispetto a settembre 2021 (-10,6% anche per le operazioni internazionali), ma ha continuato a mantenersi su livelli prossimi a quelli pre-pandemici (-3,6%).



La capacità è stata del 2,4% superiore a settembre 2021 (+5,0% per le operazioni internazionali), ma ancora del 7,4% inferiore ai livelli di settembre 2019 (-8,1% per le operazioni internazionali).


Vanno sottolineati diversi fattori del contesto operativo: A seguito della contrazione delle principali economie, anche l’indice globale dei responsabili degli acquisti (PMI) per i nuovi ordini di esportazione si è ridotto (per il terzo mese consecutivo) al livello più basso degli ultimi due anni. Gli ultimi dati sul commercio globale di beni hanno mostrato un’espansione del 5,2% ad agosto, un segnale positivo per l’economia globale. Si prevede che a beneficiarne sia soprattutto il cargo marittimo, con una leggera spinta anche per il cargo aereo.


I prezzi del petrolio sono rimasti stabili a settembre e il cracking spread del jet fuel è sceso rispetto al picco di giugno. L’indice dei prezzi al consumo si è stabilizzato nei Paesi del G7 a settembre, ma con un livello elevato per decenni del 7,7%. L’inflazione dei prezzi alla produzione (input) è rallentata al 13,7% in agosto.


“Sebbene l’attività del trasporto aereo di merci continui ad avvicinarsi ai livelli del 2019, i volumi rimangono al di sotto dell’eccezionale performance del 2021, in quanto il settore si trova ad affrontare alcuni venti contrari. A livello di consumatori, con l’eliminazione delle restrizioni ai viaggi dopo la pandemia, è probabile che le persone spendano di più per le vacanze e meno per l’e-commerce. A livello macro, i crescenti segnali di recessione avranno probabilmente un impatto negativo sui flussi globali di beni e servizi, controbilanciati da una leggera stabilizzazione dei prezzi del petrolio. In questo contesto, il trasporto aereo di merci sta resistendo bene. Il rallentamento strategico della crescita della capacità dal 6,3% di agosto al 2,4% di settembre dimostra la flessibilità del settore nell’adattarsi agli sviluppi economici”, ha dichiarato Walsh.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su