Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Iata: Priorità a sostenibilità, modernizzazione, safety e persone

colonna Sinistra
Martedì 27 settembre 2022 - 12:44

Iata: Priorità a sostenibilità, modernizzazione, safety e persone

Costruire resilienza e rafforzare prospettive cargo dopo pandemia

Iata: Priorità a sostenibilità, modernizzazione, safety e persone
Roma, 27 set. (askanews) – La Iata, l’Associazione internazionale del trasporto aereo ha evidenziato quattro priorità per costruire la resilienza e rafforzare le prospettive del cargo aereo dopo la pandemia. Le priorità, spiega una nota, sono state delineate in occasione del 15° World Cargo Symposium (WCS), che si è aperto oggi a Londra e sono: Raggiungere le emissioni nette di carbonio zero entro il 2050. Continuare a modernizzare i processi, trovare soluzioni migliori per trasportare in sicurezza le batterie al litio, rendere il cargo aereo attraente per i nuovi talenti.


“Il cargo aereo ha avuto un anno stellare nel 2021, con un fatturato di 204 miliardi di dollari. Attualmente, tuttavia, le sfide sociali ed economiche sono in aumento. La guerra in Ucraina ha interrotto le catene di approvvigionamento, i prezzi del carburante per aerei sono elevati e la volatilità economica ha rallentato la crescita del PIL. Nonostante ciò, ci sono sviluppi positivi. Il commercio elettronico continua a crescere, le restrizioni COVID si stanno attenuando e i prodotti cargo specializzati di alto valore si stanno dimostrando resistenti agli alti e bassi dell’economia. Per il futuro, è fondamentale raggiungere il nostro impegno per l’azzeramento delle emissioni, modernizzare i processi, trovare soluzioni migliori per trasportare in sicurezza le batterie al litio e rendere il trasporto aereo di merci attraente per i nuovi talenti”, ha dichiarato Brendan Sullivan, Global Head of Cargo della IATA.



La strada verso lo zero netto entro il 2050: nel 2021 l’industria del trasporto aereo ha concordato un piano equilibrato per raggiungere l’azzeramento delle emissioni di CO2 entro il 2050. Uno scenario potenziale è il seguente: 65% attraverso il carburante per l’aviazione sostenibile (SAF); 13% da idrogeno e propulsione elettrica; 3% da operazioni più efficienti; 19% attraverso le compensazioni ed eventualmente la cattura del carbonio, come soluzione extra-settoriale in attesa dello sviluppo della tecnologia.


“Il SAF è la chiave per raggiungere le emissioni nette zero. Nel 2021 le compagnie aeree hanno utilizzato ogni goccia disponibile. E sarà così anche quest’anno. La sfida è la capacità di produzione di SAF. La soluzione è rappresentata dagli incentivi governativi. Con i giusti incentivi, potremmo arrivare a 30 miliardi di litri di SAF entro il 2030. Si tratterebbe di un punto di svolta entro il 2030 verso la nostra ambizione “net zero” di avere ampie quantità di SAF a prezzi accessibili”, ha dichiarato Sullivan.



Modernizzazione ed efficienza: “le sfide della crisi COVID ci hanno dato la certezza di poter cambiare e adattarci rapidamente. Dobbiamo sfruttare questa fiducia per avvicinarci ancora di più alle aspettative di modernizzazione dei nostri clienti. E dobbiamo essere fedeli al punto di forza del cargo aereo e muoverci ancora più velocemente”, ha dichiarato Sullivan.


La Iata ha evidenziato due aree in cui si stanno compiendo progressi: ONE Record della Iata sta rendendo possibile a tutti gli operatori della catena del valore del settore di vedere le stesse informazioni sulle spedizioni. Già 156 aziende e quattro autorità doganali lo utilizzano. La Iata Interactive Cargo Guidance fornisce un quadro comune per consentire ai dispositivi di tracciamento di monitorare la qualità e l’accuratezza delle condizioni delle merci sensibili al tempo e alla temperatura. Anche il sostegno dei governi al programma di modernizzazione attraverso la facilitazione del commercio è fondamentale.



“La Convenzione di Kyoto riveduta, che introduce standardizzazione, tecnologia, prevedibilità e velocità nella facilitazione del commercio, e il quadro di norme SAFE dell’Organizzazione Mondiale delle Dogane (OMD), che facilita e rende sicuro il commercio, sono importanti passi avanti nel sostenere il commercio globale. Tuttavia, si registrano ancora troppi requisiti divergenti da parte dei governi in aree che dovrebbero essere armonizzate da questi due strumenti. Questa situazione deve cambiare rapidamente, in modo da poter continuare a sostenere il commercio globale – e il suo contributo vitale alle economie e agli Obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite – con un cargo aereo moderno ed efficiente. L’adozione e l’attuazione universale produrranno i maggiori benefici”, ha aggiunto Sullivan.


La sicurezza: la sicurezza, in particolare la ricerca di soluzioni migliori per trasportare in sicurezza le batterie al litio, è stata evidenziata come una priorità per il settore. “Possiamo essere orgogliosi dei progressi che stiamo facendo per migliorare ulteriormente la sicurezza della movimentazione delle batterie al litio. Per il trasporto aereo di merci, questa è una priorità assoluta. Ma anche la migliore struttura normativa non significa nulla se le regole non vengono rispettate. Il rispetto delle regole è un problema per il trasporto di batterie al litio, in particolare con la proliferazione di nuovi operatori – e inesperti – nelle attività di commercio elettronico”, ha sottolineato Sullivan.


La Iata ha chiesto che: le autorità di regolamentazione (EASA e FAA) accelerino lo sviluppo di uno standard di prova che possa essere utilizzato per dimostrare che le coperture dei pallet e i contenitori resistenti al fuoco sono in grado di resistere a un incendio che coinvolge le batterie al litio. Le autorità governative devono intervenire e assumersi la responsabilità di fermare i produttori e gli esportatori disonesti di batterie al litio. L’industria deve utilizzare tecnologie come il DG Autocheck per verificare più facilmente e accuratamente che la spedizione sia conforme ai requisiti del DG.


Per incorporare le migliori pratiche sul trasporto sicuro delle batterie al litio in tutta la catena del valore, la IATA ha ampliato il suo programma CEIV sulle batterie al litio per includere compagnie aeree e spedizionieri.


Le persone: “le persone sono il fulcro di qualsiasi miglioramento delle prestazioni del trasporto aereo di merci. Purtroppo, durante il COVID-19 abbiamo assistito all’abbandono di migliaia di posti di lavoro nel settore, soprattutto per quanto riguarda gli addetti alla movimentazione delle merci. Ora ci troviamo a competere per i talenti in un mercato del lavoro molto ristretto. E quando troviamo i talenti giusti e volenterosi, la formazione e i processi di autorizzazione alla sicurezza più lunghi del solito ritardano il loro ingresso nella forza lavoro”, ha detto Sullivan.


La Iata ha invitato i governi ad accelerare i processi di autorizzazione, compresi quelli per la sicurezza, come soluzione a breve termine e a lungo termine per fare un lavoro migliore nell’attrarre, assumere e trattenere i talenti. La Iata ha inoltre incoraggiato un maggior numero di vettori cargo a sottoscrivere l’iniziativa 25by2025, valida per tutto il settore, per promuovere la diversità di genere. “La necessità di creare pari opportunità per la metà femminile della popolazione mondiale è evidenziata dalla situazione odierna in cui il settore fatica ad attrarre un numero sufficiente di talenti. Il raggiungimento di un equilibrio di genere equo deve essere al centro di qualsiasi strategia di talento a lungo termine”, ha dichiarato Sullivan.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su