Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Aerei, Iata: Necessari incentivi per i carburanti sostenibili

colonna Sinistra
Martedì 21 giugno 2022 - 09:10

Aerei, Iata: Necessari incentivi per i carburanti sostenibili

Per raggiungere obiettivo zero emissioni CO" in 2050

Aerei, Iata: Necessari incentivi per i carburanti sostenibili
Doha, 21 giu. (askanews) – Il settore del trasporto aereo resta impegnato nel raggiungimento dell’obiettivo zero emissioni di CO2 entro il 2050. Per questo, sottolinea la Iata, sono necessari incentivi governativi per aumentare la produzione e l’utilizzo di Saf (Sustainable aviation fuel): un possibile un punto di svolta sarebbe la produzione di 30 miliardi di litri entro il 2030. E’ quanto emerso nel corso di un incontro con la stampa alla 78esima Assemblea generale della Iata in svolgimento a Doha in Qatar.


Per rispettare l’impegno del settore aereo di zero emissioni, le stime attuali prevedono che i Saf dovrebbero contribuire per il 65% alla riduzione delle emissioni di carbonio dell’aviazione entro il 2050. Secondo la Iata, ciò richiederebbe una capacità produttiva annuale di 449 miliardi di litri. Sono in corso investimenti per espandere la produzione annuale di Saf dagli attuali 125 milioni di litri a 5 miliardi entro il 2025. Con incentivi governativi efficaci, la produzione potrebbe raggiungere i 30 miliardi di litri entro il 2030, il che rappresenterebbe un punto di svolta per la produzione e l’utilizzo del Saf.



“I governi – ha dichiarato il direttore generale della Iata Willie Walsh – non hanno bisogno di inventare un libro di giochi. Gli incentivi per la transizione della produzione di energia elettrica verso fonti rinnovabili come il solare o l’eolico hanno funzionato. Di conseguenza, le soluzioni energetiche pulite sono ora economiche e ampiamente disponibili. Con incentivi simili per il Saf, potremmo vedere 30 miliardi di litri disponibili entro il 2030. Anche se siamo ancora lontani dal punto in cui dobbiamo essere, sarebbe un chiaro punto di svolta verso la nostra ambizione ‘net zero’ di avere ampie quantità di Saf a prezzi accessibili”.


Nel 2021, indipendentemente dal prezzo (il Saf ha un prezzo da due a quattro volte superiore a quello del jet fuel convenzionale), le compagnie aeree hanno acquistato tutti i 125 milioni di litri di Saf disponibili. E già più di 38 Paesi hanno adottato politiche specifiche a riguardo aprendo la strada allo sviluppo del mercato. Prendendo spunto da queste misure politiche, le compagnie aeree hanno stipulato accordi di acquisto a termine di Saf per 17 miliardi di dollari.



Ulteriori investimenti nella produzione, osserva la Iata, devono essere sostenuti da politiche adeguate. In questo modo si aumenterebbe l’offerta e si ridurrebbero i costi. La produzione di elettricità attraverso l’energia solare o eolica ha incontrato ostacoli simili quando queste tecnologie hanno sostituito i combustibili fossili. Con incentivi politici efficaci, entrambe sono ora accessibili e ampiamente disponibili.


Applicando al Saf politiche simili basate su incentivi, i governi possono sostenere la produzione globale di carburanti sostenibili fino a raggiungere i 30 miliardi di litri entro la fine del decennio. Si tratterebbe di un punto di svolta, un chiaro segnale al mercato che il Saf sta svolgendo il ruolo previsto a lungo termine nella decarbonizzazione dell’aviazione e incoraggerebbe gli investimenti per aumentare la produzione e far scendere il prezzo. Gli Stati Uniti stanno dando un esempio da seguire. Si prevede che la produzione di Saf raggiungerà gli 11 miliardi di litri nel 2030, grazie a forti incentivi governativi.



L’Europa, invece, è l’esempio da non seguire. Nell’ambito dell’iniziativa Fit for 55, l’Ue sta pianificando di imporre alle compagnie aeree l’aumento del 5% di Saf in ogni aeroporto europeo entro il 2030. Il decentramento della produzione ritarderà lo sviluppo di economie di scala. E obbligare il trasporto terrestre del Saf ridurrà i benefici ambientali che derivano dal suo utilizzo.


La Iata ha ricordato poi che l’idrogeno e gli aerei a propulsione elettrica fanno parte del piano dell’aviazione per raggiungere le emissioni nette zero entro il 2050, ma probabilmente saranno limitati alle rotte a corto raggio. Il Saf resta al momento la soluzione collaudata per i voli a lungo raggio.


“I sistemi di propulsione a idrogeno e/o elettrici – ha dichiarato Sebastian Mikosz, vicepresidente senior della Iata per l’ambiente e la sostenibilità – saranno probabilmente disponibili per i voli commerciali a corto raggio entro il 2035, ma la maggior parte delle emissioni proviene dai voli a lungo raggio con aerei di grandi dimensioni e per affrontare queste emissioni, il Saf è l’unica soluzione comprovata. Sappiamo che funziona e dobbiamo raddoppiare gli sforzi per coinvolgere tutti gli attori del settore, compresi i governi, per aumentare la produzione, la disponibilità e l’adozione”,


Il fondamentale obiettivo di emissioni nette zero entro il 2050, concordato in ambito Iata nell’ottobre 2021, sarà una sfida enorme, poiché le dimensioni previste richiederanno la mitigazione di 1,8 gigatoni di carbonio.


Per fornire la giusta serie di politiche coerenti e la stabilità a lungo termine necessaria per gli investimenti, il settore dell’aviazione ha ribadito a Doha la richiesta a tutti i governi di sostenere l’adozione di un obiettivo climatico a lungo termine per il trasporto aereo da concordare in occasione della 41a Assemblea dell’Organizzazione internazionale dell’aviazione civile (Icao) che si terrà a settembre, in linea con gli impegni del settore. Questo obiettivo climatico, secondo la Iata, è fondamentale per sostenere le ambizioni di decarbonizzazione del settore e fornirebbe un quadro multilaterale globale per l’azione senza distorsioni della concorrenza.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su