Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Borsa, Wall Street recupera:Dj +00,3% ma S&P 500 in zona ribassista

colonna Sinistra
Venerdì 20 maggio 2022 - 22:28

Borsa, Wall Street recupera:Dj +00,3% ma S&P 500 in zona ribassista

Settimana si chiude all'insegna del pessimismo. Nasdaq -0,30%

Borsa, Wall Street recupera:Dj +00,3% ma S&P 500 in zona ribassista
Roma, 20 mag. (askanews) – Atmosfera negativa alla Borsa di Wall Street. L’indice Dow Jones dei titoli industriali DJ Industriali ha chiuso l’ultima seduta della settimana praticamente invariato con un guadagno dello 0,03% a 31.261,90. L’indice più rappresentativo S&P 500 ha chiusi a 3.901,40 (+0,02%) mentre il Nasdaq ha perso lo 0,30% a 11.354,62.


Tuttavia nelle ore precedenti le azioni della piazza statunitense erano crollate in un mercato ribassista, poiché le crescenti preoccupazioni per la crescita economica e l’inflazione hanno spinto gli investitori a correre verso rifugi sicuri.



L’S&P 500 è arrivato a perdere l’1,8% nel trading pomeridiano, subendo perdite dal massimo del 3 gennaio pari a oltre il 20%, la definizione comune di mercato ribassista.


È la prima volta che le azioni entrano nel territorio del mercato ribassista dall’ondata di vendite innescata dall’inizio della pandemia di coronavirus nel marzo 2020. Successivamente le azioni sono aumentate, raggiungendo livelli record, ma quest’anno sono crollate quando le forze che hanno guidato il potente rimbalzo dalle profondità della crisi del Covid si sono invertite.



Nel pomeriggio anche il Il Nasdaq Composite, ad alto contenuto tecnologico, è scivolato del 2,7% per poi recuperare.


Le banche centrali, guidate dalla Federal Reserve, stanno rapidamente allentando le misure di stimolo nel tentativo di ridurre l’inflazione dai massimi pluridecennale mentre la guerra in Ucraina ha interrotto le catene di approvvigionamento e colpito i prezzi delle materie prime. Allo stesso tempo, ci sono indicazioni che la crescita economica potrebbe vacillare nelle principali economie globali.



“La narrativa del forte consenso è che la crescita da qui in poi scenderà, c’è una recessione nel prossimo futuro, i tassi di interesse continueranno a salire e l’inflazione dovrebbe scendere ma rimarrà alta”, ha affermato Emiel van den Heiligenberg, responsabile dell’asset allocation di Legal & General Investment Management, secondo quanto riportato dal Financial Times


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su