Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Renault: nasce ElectriCity il polo per l’elettrico con gigafactory

colonna Sinistra
Martedì 21 settembre 2021 - 19:02

Renault: nasce ElectriCity il polo per l’elettrico con gigafactory

Riunisce 3 stabilimenti. Obiettivo 400mila EV l'anno entro 2025

Renault: nasce ElectriCity il polo per l’elettrico con gigafactory
Milano, 21 set. (askanews) – Puntare alle zero emissioni, creare un ecosistema sostenibile e diventare il centro di produzione di veicoli elettrici più importante e competitivo d’Europa. Sono gli obiettivi di Renault per ElectriCity, il nuovo polo che riunisce i tre stabilimenti di Douai, dove sono stati investiti 550 milioni di euro, Maubeuge e Ruitz nella regione dell’Alta Francia. Nel polo di ElectriCity, che conta 5mila addetti, saranno prodotti 400mila veicoli elettrici l’anno entro il 2025.


Il primo modello elettrico prodotto a Douai è la Mégane E-Tech Electric, che sarà commercializzata a partire dall’anno prossimo, mentre a breve inizierà la produzione della Renault 5 elettrica.



“Per introdurre i veicoli elettrici, abbiamo trasformato lo stabilimento di Douai, con investimenti per oltre 550 milioni di euro. Abbiamo lavorato anche sull’ergonomia delle postazioni di lavoro”, ha spiegato Luciano Biondo, Direttore di Renault Group ElectriCity.


L’impianto di Douai è operativo da 50 anni e dalle sue linee di produzione sono usciti oltre 10 milioni di veicoli, fra cui alcuni modelli che hanno fatto la storia del gruppo come Renault 5, Scénic, Fuego e la Renault 19.



Con l’arrivo della piattaforma modulare Cmf-Ev dell’Alleanza per veicoli elettrici inizia un nuovo capitolo per Douai. Per passare dalla produzione termica a quella elettrica, le officine e le linee dello stabilimento sono state modificate e aggiornate, con carrelli automatizzati e robot. Al piano superiore, invece c’è il reparto di assemblaggio delle batterie: grazie alla partnership strategica tra Renault ed Envision Aesc, sul sito di Douai sarà installata una gigafactory che permetterà di realizzare le batterie a meno di 50 metri di distanza per abbattere le emissioni generate dal trasporto, ottimizzare i costi e dare una risposta rapida alla domanda dei clienti.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su