Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Airbus, Zero-Emission development Centre in Germania e Francia

colonna Sinistra
Martedì 15 giugno 2021 - 13:33

Airbus, Zero-Emission development Centre in Germania e Francia

Concentra gli sforzi nel campo dei serbatoi metallici di idrogeno

Airbus, Zero-Emission development Centre in Germania e Francia
Roma, 15 giu. (askanews) – Airbus ha deciso di concentrare i propri sforzi nel campo dei serbatoi metallici di idrogeno creando due Zero-Emission Development Centre (ZEDC) complementari nei propri siti di Brema (Germania) e Nantes (Francia). L’obiettivo dei ZEDC, informa una nota, è produrre serbatoi criogenici a costi competitivi per lanciare con successo sul mercato l’aeromobile ZEROe e accelerare lo sviluppo delle tecnologie per la propulsione a idrogeno. La progettazione e l’integrazione dei serbatoi sono cruciali per le prestazioni di un futuro aeromobile a idrogeno.


Gli sviluppi tecnologici copriranno l’intero prodotto e le capacità industriali dalle parti elementari, all’assemblaggio, all’integrazione dei sistemi e al test criogenico del sistema finale del serbatoio di idrogeno liquido (LH2). Entrambi gli ZEDC saranno pienamente operativi entro il 2023 per costruire i serbatoi LH2, con il primo test di volo previsto per il 2025. Airbus ha scelto la sede di Brema per la sua diversa configurazione e decenni di esperienza di LH2 all’interno di Difesa and Spazio e ArianeGroup. Lo ZEDC Bremen si concentrerà inizialmente sull’installazione del sistema e su tutti i test criogenici dei serbatoi. Inoltre, questo ZEDC beneficerà del più ampio ecosistema di ricerca sull’idrogeno come il Centro per materiali e tecnologie eco-efficienti (ECOMAT) e di ulteriori sinergie dalle attività spaziali e aerospaziali. Il sito Airbus di Nantes è stato selezionato per la sua profonda esperienza nell’integrazione di strutture metalliche collegate alla scatola alare centrale, quest’ultima a volte fungendo da serbatoio centrale, fondamentale per la sicurezza degli aeromobili commerciali.



Il sito di Nantes fornirà competenze in un’ampia gamma di tecnologie metalliche e composite e di integrazione. La sua esperienza nel co-design su prese d’aria della navicella, radome e complessi assemblaggi strutturali della fusoliera centrale è una vera risorsa. Lo ZEDC beneficerà delle competenze e delle capacità del Technocentre di Nantes, supportate da un ecosistema locale innovativo come l’IRT Jules Verne. In linea con le ambizioni regionali della Germania settentrionale e del Pays de Loire, Airbus promuoverà la collaborazione intersettoriale per sostenere la transizione globale alle tecnologie di propulsione a idrogeno, così come l’infrastruttura associata a terra nella regione.


Il serbatoio è un componente fondamentale per la sicurezza, per il quale è necessaria un’ingegneria di sistema specifica. L’idrogeno è più complesso da utilizzare rispetto al cherosene perché deve essere conservato a -250 °C per liquefarsi. La liquidità è necessaria per aumentare la densità. Per l’aviazione commerciale, la sfida è quella di sviluppare un componente che possa resistere ai ripetuti cicli termici e di pressione che un’applicazione aeronautica richiede. Inizialmente, i serbatoi di idrogeno per l’aviazione commerciale saranno metallici. A lungo termine è ipotizzabile un passaggio a strutture in composito di carbonio.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su