Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Fao: prezzi alimentari internazionali in aumento anche ad aprile

colonna Sinistra
Giovedì 6 maggio 2021 - 10:36

Fao: prezzi alimentari internazionali in aumento anche ad aprile

Si tratta dell'undicesimo aumento consecutivo
Fao: prezzi alimentari internazionali in aumento anche ad aprile

Roma, 6 mag. (askanews) – I prezzi internazionali delle materie prime alimentari sono aumentati per l’undicesimo mese consecutivo ad aprile, con lo zucchero in testa all’aumento e i cereali che hanno ripreso la loro tendenza al rialzo, secondo quanto riferito oggi dall’Organizzazione delle Nazioni Unite per l’alimentazione e l’agricoltura (FAO).

L’indice dei prezzi alimentari della FAO ha registrato una media di 120,9 punti ad aprile, l’1,7% in più rispetto a marzo e il 30,8% in più rispetto al livello dello stesso mese dell’anno scorso. L’indice, che tiene traccia delle variazioni mensili dei prezzi internazionali delle materie prime alimentari comunemente scambiate, ha raggiunto il livello più alto da maggio 2014 e in termini nominali è inferiore del 12% al suo massimo storico nel febbraio 2011.

L’indice dei prezzi dello zucchero della FAO è aumentato del 3,9% durante il mese per raggiungere livelli superiori di quasi il 60% rispetto all’aprile 2020, con le preoccupazioni per il lento progresso del raccolto in Brasile e per i danni da gelo in Francia che hanno accresciuto le preoccupazioni per le forniture globali più limitate.

L’indice dei prezzi dell’olio vegetale della FAO è aumentato dell’1,8% ad aprile, poiché le quotazioni internazionali dell’olio di palma sono aumentate a causa dei timori che la crescita della produzione nei principali paesi esportatori sarebbe stata più lenta del previsto. Anche i valori dell’olio di soia e di colza sono aumentati ulteriormente, mentre i prezzi dell’olio di girasole hanno registrato una moderata contrazione. L’indice dei prezzi della carne della FAO è salito dell’1,7% dal valore di marzo, con quotazioni di carne bovina, ovina e suina sostenute da una solida domanda dall’Asia orientale. I prezzi della carne di pollame sono rimasti stabili, riflettendo mercati globali generalmente equilibrati.

L’indice FAO dei prezzi dei cereali è aumentato dell’1,2% ad aprile, invertendo un calo di breve durata a marzo, attestandosi al 26% al di sopra del livello di aprile 2020. I prezzi del mais sono aumentati del 5,7%, raggiungendo un livello superiore del 66,7% rispetto all’anno precedente, spinti da intenzioni di semina inferiori al previsto negli Stati Uniti d’America e dalle preoccupazioni per le condizioni delle colture in Argentina, Brasile e Stati Uniti.I prezzi internazionali del grano sono state generalmente stabili, mentre si sono ammorbidite le quotazioni di riso, orzo e sorgo.

L’indice dei prezzi dei prodotti lattiero-caseari della FAO è aumentato dell’1,2% da marzo, con quotazioni di burro, formaggio e latte scremato in polvere in aumento a causa della solida domanda di importazioni dall’Asia.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su