Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Banche cinesi sotto accusa per finanziamento deforestazione

colonna Sinistra
Martedì 4 maggio 2021 - 09:58

Banche cinesi sotto accusa per finanziamento deforestazione

Studio: 15 miliardi di dollari ad aziende che deforestano
Banche cinesi sotto accusa per finanziamento deforestazione

Roma, 4 mag. (askanews) – Le banche cinesi sono le seconde grandi finanziatrici di commodities collegate alla depauperamento del patrimonio di foreste pluviali nel mondo. Lo sostiene uno studio di Forests&Finance, una coalizione di organizzazioni non governative di Stati uniti, Indonesia, Olanda, Brasile e Malaysia, che ha analizzato il periodo tra gennaio 2016 e aprile 2020.

Le istituzioni finanziarie cinesi hanno fornito qualcosa come 15 miliardi di dollari in prestiti e in sottoscrizione di servizi di aziende coinvolte nello sfruttamento di legno, carta, olio di palma, carne di manzo, soia, gomma e tronchi in Asia sudorientale, Brasile e Africa centrale e occidentale.

“Le grandi economie del mondo parlando molto di azione sul clima e continuano ancora a far finta di nulla quando le loro banche finanziano la deforestazione tropicale”, ha dichiaato Tom Picken, direttore della campagna RAN Forests&Finance. “La Cina e le altri grande economie – ha proseguito – mettano il loro peso dietro misure reali che fermino la deforestazione, proteggano le comunità forestali e rallentino il cambiamento climati, regolando il settore finanziario”.

Per quanto la Cina abbia solo piccole porzioni di foreste tropicali, le istituzioni finanziarie cinese sono altamente esposte alla deforestazione. Tra i clienti che ricevono prestiti cinesi e sottiscrivono servizi ci sono anche compagnie coinvolte in pratiche illegali e non sostenibili come a deforestazione, gli incendi forestali, la corruzione e la violazione delle proprietà terriere.

In un recente studio da parte di Rainforest Action Network sulle politiuche delle più grandi banche coinvolte nella deforestazione tropicale, la cinese ICBC – la più grande banca al mondo – è stata valutata ultima in quanto a misure per un’adeguata politica nel settore forestale.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su