Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Economia
  • Ghana, Deutsche Bank chiude accordi per 2 progetti infrastrutturali

colonna Sinistra
Martedì 23 febbraio 2021 - 12:01

Ghana, Deutsche Bank chiude accordi per 2 progetti infrastrutturali

Per 150 mln euro. Contratti finanziamento garantiti da Sace e Simest
Ghana, Deutsche Bank chiude accordi per 2 progetti infrastrutturali

Roma, 23 feb. (askanews) – Deutsche Bank ha annunciato la chiusura di due importanti transazioni relative a progetti infrastrutturali con la Repubblica del Ghana, per un valore di 150 milioni di euro.

I contratti di finanziamento per la costruzione e l’attrezzatura di entrambi i progetti sono garantiti da SACE e Simest, con due appaltatori italiani che si affidano come fornitori alla competenza e all’eccellenza tecnica di oltre quaranta PMI italiane.

I due progetti riguardano la riabilitazione ed espansione dell’approvvigionamento idrico di Keta e il nuovo mercato di Takoradi. Entrambi fanno parte del vasto programma di sviluppo delle infrastrutture del governo del Ghana per rafforzare la crescita economica e creare nuove opportunità di lavoro, garantendo al contempo migliori condizioni di vita per una popolazione in rapida crescita. I due progetti avranno quindi un impatto positivo di lungo periodo nell’area.

Dal 2011, Deutsche Bank ha disposto oltre due miliardi di euro di finanziamenti relativi allo sviluppo delle infrastrutture in Ghana, con più di 20 transazioni a supporto dello sviluppo nel paese.

Werner Schmidt, Global Head of Structured Trade Export Finance (STEF) di Deutsche Bank ha dichiarato: “Deutsche Bank ha una presenza di lunga data in Africa e siamo orgogliosi di essere uno dei principali partner di export finance per il Ghana. Manterremo nel tempo il nostro impegno a sostenere progetti infrastrutturali che abbiano un impatto positivo sulle comunità e che contribuiscano alla crescita economica nel lungo periodo”.

“Siamo orgogliosi di far parte di questi due grandi progetti frutto della collaborazione e sinergia con Deutsche Bank e il Governo ghanese. Grazie all’esperienza e il know how di oltre 40 piccole e medie imprese italiane, avranno un impatto positivo sulla comunità locale – ha dichiarato Dario Liguti, Chief Underwriting Officer di SACE – Il Ghana è un Paese strategico per SACE e siamo molto lieti di aver contribuito ancora una volta al successo del Made in Italy in un contesto così complesso, in cui è determinante il ruolo di mitigatore del rischio e facilitatore del business che SACE può svolgere”.

Deutsche Bank e SACE hanno una consolidata esperienza di collaborazione a sostegno dei principali progetti infrastrutturali in tutto il Ghana. Nel 2018, hanno sostenuto insieme un contratto da 45,6 milioni di euro per la costruzione dell’Università dell’Ambiente e dello Sviluppo Sostenibile a Somanya, nella regione orientale del Paese. L’università di nuova costituzione, commissionata nell’agosto 2020, creerà 2.400 nuovi posti di lavoro in Ghana e avrà un significativo impatto sull’economia nazionale, sostenendo lo sviluppo sociale in un paese che ricava il 20% del PIL dal settore agricolo. Nel 2019 Deutsche Bank e SACE hanno inoltre predisposto il finanziamento di un altro importante contratto infrastrutturale per l’ammodernamento di quattro ospedali nella regione orientale del Paese, del valore di 45 milioni di euro.

Per quanto riguarda la riabilitazione ed espansione dell’approvvigionamento idrico di Keta Commissionato dalla società statale Ghana Water Company Limited, il progetto ha l’obiettivo di migliorare le condizioni idriche e igienico-sanitarie nella regione del Volta meridionale, dove il sistema di approvvigionamento idrico esistente è spesso limitato al pompaggio di acqua da pozzi locali e non è in grado di soddisfare la sempre maggiore domanda di una popolazione in crescita.

Il progetto comprenderà la riabilitazione dell’attuale impianto di trattamento delle acque di Keta ad Agordome per ripristinarne la piena capacità di 7.200 metri cubi al giorno e la costruzione di un nuovo impianto di trattamento delle acque nella stessa città, con una capacità di 35.000 metri cubi al giorno. Una volta completati, entrambi gli impianti, insieme a una conduttura di trasmissione, a una stazione di pompaggio e a diversi serbatoi, saranno in grado di soddisfare il fabbisogno idrico attuale e futuro di oltre 400.000 residenti nelle comunità di Keta, Anloga e nei distretti di Tongu fino al 2030. I lavori di costruzione sono eseguiti da Lesico Infrastructures Srl, filiale italiana della società di costruzioni israeliana Lesico Group, con 16 PMI italiane coinvolte nelle forniture del progetto. Bluebird Finance & Projects è stata coinvolta come consulente finanziario di Lesico Group. All’operazione ha aderito anche AKA Ausfuhrkredit-Gesellschaft mbH come co-lender del finanziamento.

Il nuovo mercato di Takoradi Costruito nel 1960 e significativamente ampliato negli anni ’70, il mercato di Takoradi copre un’area di circa un chilometro quadrato nel punto più accessibile della città ed è la più grande struttura commerciale nella regione occidentale del Ghana. Il mercato ha avuto un impatto significativo sullo sviluppo del territorio, favorendo il commercio di beni e servizi.

Nel corso degli anni, il mercato ha progressivamente sofferto di problemi di congestione e insicurezza, a causa del numero crescente di commercianti e visitatori dovuto al continuo aumento della popolazione. Le strutture esistenti cadono in rovina e le dotazioni di sicurezza e igiene sono diventate inadeguate. La riqualificazione del mercato creerà una struttura ben organizzata, moderna e sicura, in grado di attrarre più visitatori e di alleviare la congestione all’interno e intorno all’area. Il nuovo mercato comprenderà oltre 2.400 negozi, ristoranti e punti ristoro, aree di carico e scarico, banchine per la raccolta differenziata, uffici amministrativi e strutture pubbliche, tra cui una stazione di polizia, una stazione dei vigili del fuoco, un ufficio postale e una clinica. I lavori di costruzione sono stati affidati a Contracta Costruzioni Italia, filiale italiana del principale gruppo edile brasiliano Contracta Engenharia, con 25 PMI italiane coinvolte nelle forniture del progetto.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su