Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Palazzo Grassi, a Venezia parte la rassegna “Lo stato dell’arte”

colonna Sinistra
Venerdì 2 dicembre 2022 - 07:43

Palazzo Grassi, a Venezia parte la rassegna “Lo stato dell’arte”

Curata da Barbara Carnevali, primo ospite Rachel Cusk

Palazzo Grassi, a Venezia parte la rassegna “Lo stato dell’arte”
Venezia, 2 dic. (askanews) – Palazzo Grassi – Punta della Dogana presenta un nuovo ciclo di incontri bi-annuali con importanti personalità del mondo della cultura internazionale che condividono un forte interesse per l’arte e che sono invitate a realizzare un contributo inedito a partire dalla riflessione su cosa sia e a cosa serva oggi l’arte, con le sue sfide e le sue contraddizioni. La rassegna “Lo stato dell’arte” debutta con un incontro pubblico venerdì 2 dicembre alle ore 18.00 con una delle più interessanti autrici viventi in lingua inglese: Rachel Cusk.


La rassegna, promossa da Palazzo Grassi e a cura di Barbara Carnevali, Directrice d’études in Filosofia presso l’École des Hautes Études en Sciences Sociales (EHESS) di Parigi, mira a coinvolgere alcune delle più brillanti personalità intellettuali che si sono distinte in campi disciplinari molto diversi tra loro, chiamate a produrre un testo inedito che sarà pubblicato nella versione integrale in una collana dedicata da Marsilio Editori, Venezia, in collaborazione con Palazzo Grassi. I protagonisti del ciclo veneziano, insieme a Barbara Carnevali, incontrano il pubblico del Teatrino di Palazzo Grassi per presentare la propria riflessione a partire dalle sfide, dalle promesse, dalle diverse questioni senza cui l’arte perde il suo significato.



L’idea di questo ciclo di conferenze è duplice. Da un lato sottolineare la centralità dell’arte in quanto dimensione fondamentale del mondo contemporaneo, e proporre una prospettiva che ricomponga il più possibile la frattura tra il mondo dell’arte e il mondo della vita comune, quello in cui l’arte riguarda tutti, in quanto persone, attori sociali e cittadini. Dall’altro, proporre un discorso sull’arte che esca dai limiti tracciati da chi è già all’interno di quel contesto e possa rivolgersi a tutti, ribadendo una delle caratteristiche più affascinanti dell’arte: la sua capacità di parlare immediatamente a chiunque senza richiedere conoscenze pregresse o competenze specializzate.


“Lo stato dell’arte” proseguirà il 10 maggio 2023 con la partecipazione di un’altra grande autrice contemporanea, la filosofa Judith Butler.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su