Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Usa, la tragedia del 6 gennaio: Serrano racconta l’insurrezione

colonna Sinistra
Giovedì 17 novembre 2022 - 15:07

Usa, la tragedia del 6 gennaio: Serrano racconta l’insurrezione

Il film su Trump e il trumpismo ha aperto Lo Schermo dell'Arte

Usa, la tragedia del 6 gennaio: Serrano racconta l’insurrezione
Firenze, 17 nov. (askanews) – Un film d’artista per raccontare l’assalto al Campidoglio degli Stati Uniti del 6 gennaio 2021. Andres Serrano, da anni protagonista della scena dell’arte contemporanea, ha realizzato il suo primo film, “Insurrection”, che è stato presentato al cinema per la prima volta al festival Lo Schermo dell’Arte di Firenze. Una cronaca con più fonti, drammatica e anche spaventosa per le dinamiche che quell’episodio ha messo in evidenza.


“Questo film – ha detto l’artista statunitense ad askanews – è la continuazione di un progetto di qualche anno fa chiamato ‘The Game: All Things Trump’, che è un ritratto di Donald Trump attraverso un migliaio di oggetti che ho raccolto e usato per un’installazione, oggetti che vengono dal suo impero, dai suoi hotel, dai casino, dalla Trump University e molti di questi progetti sono falliti, sono imprese fallite miseramente. Quando è diventato presidente ho pensato che quel progetto fosse parte della sua eredità. In un certo senso credo che Trump abbia tentato di fare la stessa cosa all’America e ha fatto un grande casino”.



Serrano utilizza materiali diversi, nella prima parte il film è una sorta di collage storico, cui la musica fa spesso da contrappunto, in questo nel solco di diverse pratiche contemporanee, come quella di Arthur Jafa. “Insurrection” però fa poi uno scarto, mettendosi volutamente in relazione con una controversa opera cinematografica del primo Novecento come “Birth of a Nation” di David W. Griffith ed entrando in profondità dentro quella nazione che vive una profonda crisi dei valori democratici, simboleggiata alla perfezione dall’assalto ai parlamentari. Le inquadrature in soggettiva dei video postati sui social dai manifestanti assumono sullo schermo la forza di presa di coscienza della violenza e dell’ambiguità che lo stesso ex presidente ha incarnato. E il film lascia addosso una sensazione di devastazione, fisica e morale, difficile da allontanare.


“Sfortunatamente Trump ha cambiato l’America in molti modi che ancora non capiamo – ha aggiunto Andres Serrano – dopo la sua presidenza e se per caso tornerà alla Casa Bianca, il Paese è cambiato e lo sarà per molti anni per i suoi giudizi politici, per le sue politiche che hanno abbracciato l’agenda dell’estrema destra. Hanno davvero fatto qualcosa alla democrazia e non in senso positivo”.



Quella che vediamo sullo schermo, pur con l’algidità tecnica della documentazione, è a tutti gli effetti una tragedia, una tragedia classica, senza consolazione. Una tragedia che è stata ritenuta, per esempio in Gran Bretagna, a favore di Trump, ma si tratta di una lettura che, stante il film e le parole di Serrano, non ha fondamento.


(Leonardo Merlini)



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su