Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • ‘Rubem Valentim: l’impronta brasiliana’, dal 18 novembre a Roma

colonna Sinistra
Sabato 15 ottobre 2022 - 07:25

‘Rubem Valentim: l’impronta brasiliana’, dal 18 novembre a Roma

Organizzata da Instituto Rubem Valentim e Ambasciata Brasile in Italia

‘Rubem Valentim: l’impronta brasiliana’, dal 18 novembre a Roma
Roma, 15 ott. (askanews) – L’Instituto Rubem Valentim e l’Ambasciata del Brasile in Italia, in collaborazione con la Galleria d’arte Almeida & Dale, presentano a Roma nella Galleria Candido Portinari di Palazzo Pamphilj, dal prossimo 18 novembre, la mostra personale Rubem Valentim: l’impronta brasiliana, a cura di Cristiano Raimondi e Daniel Rangel.


In occasione del centenario della nascita dell’artista (Salvador, Bahia nel 1922) la Galleria Almeida & Dale sta organizando un ciclo di retrospettive in Brasile e nel mondo.



La retrospettiva raccoglie circa trenta opere tra dipinti, sculture, rilievi e collage realizzate in periodi diversi con un focus sul periodo romano della sua pittura. Valentim ha lavorato nella capitale italiana tra il 1965 e il 1966, un periodo durante il quale iniziò ad utilizzare la tecnica della tempera nei dipinti, che divenne più complessa incorporando una scelta più vibrante di colori e i tipici simboli ispirati al Candomblé e Umbanda così come gli xangô’s axe (simboli del Candomblé). Questi furono i risultati del suo passaggio a Roma e delle costanti visite precedenti al British Museum.


Il titolo della mostra è ispirato dal “Manifesto Ainda que Tardio” (“Manifesto anche se in ritardo”), scritto da Valentim nel 1976: un testo che testimonia lo sforzo di trovare una comunicazione universale tra i simboli delle religioni di matrice africana. La considerazione ieratica data ai segni visivi è guidata dalle lezioni del costruttivismo assimilato in Brasile. La geometria è al servizio dell’impegno di creare strutture sensibili che possano essere affiancate alle specifiche espressioni della cultura popolare e sincretica di Bahia.



La prima mostra personale di Rubem Valentim fuori dal Brasile fu nel 1965 alla Galleria Casa do Brasil a Roma. L’esposizione era affiancata da un catalogo con testi di Murilo Mendes, poeta surrealista brasiliano, e del critico d’arte Enrico Crispolti. Prima di questa data la sua opera era stata presentata alla 31. Biennale di Venezia (1962) e alla mostra “Alternative Attuali/2 – Rassegna Internazionale di Pittura, Scultura, Grafica” (1965) curata da Enrico Crispolti all’Aquila. Quello stesso anno un suo dipinto fu acquistato da Palma Bucarelli, allora direttrice della Galleria Nazionale d’Arte Moderna a Roma, esposto in una mostra e recensito da Giulio Carlo Argan nel 1966.


La mostra è accompagnata da un catalogo, edito da Mousse Publishing, che contiene il saggio critico di Cristiano Raimondi e Daniel Rangel, il Manifesto dell’artista, la cronologia ragionata realizzata da Claudia Fazzolari e una selezione di immagini delle opere.



Rubem Valentim (Salvador, Bahia, 1922 – São Paulo, 1991) utilizza tecniche diverse per esprimere il simbolismo che scaturisce dall’universo delle religioni afrobrasiliane soprattutto Candomblé e Umbanda. Gli strumenti del lavoro, la struttura fisica dei terreiros (centri di culto), e la simbologia delle entità appaiono come segni: immagini stilizzate create da una sobria estetizzazione di queste forme. Questi emblemi, che sono già originariamente geometrici, vengono rigorosamente strutturati nei suoi dipinti, rilievi e sculture.


Nel 1966 partecipa al World Festival of Black Arts in Senegal.


L’artista definisce le sue sculture di cemento allestite a Praça da Sé, São Paulo come il simbolo sincretico della cultura afrobrasiliana. La sua opera “Temple of Oxalá”, che consiste in rilievi ed emblematici oggetti bianchi è stata una delle opere più importanti della 16a Biennale Internazionale di São Paulo nel 1977.


Fondata nel 1998, la Galleria d’Arte Almeida & Dale è una delle più rilevanti del Brasile e ha come obiettivo presentare l’opera e l’eredità di artisti brasiliani a importanti collezioni e archivi nazionali e internazionali. Tra gli artisti trattati figurano nomi quali Willys de Castro, Di Cavalcanti, Flávio de Carvalho, Mestre Didi, Alberto da Veiga Guignard, Alfredo Volpi, Jandira Waters, Rubem Valentim, Roberto Burle Marx.


Recentemente, con la direzione di Antônio Almeida e Carlos Dale, la programmazione della Galleria ha incluso l’opera di numerosi esponenti della storia dell’arte brasiliana, organizzando retrospettive di livello museale ideate da curatori esterni. Le pubblicazioni che accompagnano sempre le mostre sono ampiamente riconosciute per la loro originalità e per il livello dei contributi critici.


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su