Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Romics d’Oro a Filippo Scòzzari, Robespierre del fumetto italiano

colonna Sinistra
Martedì 30 agosto 2022 - 14:00

Romics d’Oro a Filippo Scòzzari, Robespierre del fumetto italiano

Per la XXIX edizione, dal 6 al 9 ottobre alla Fiera di Roma

Romics d’Oro a Filippo Scòzzari, Robespierre del fumetto italiano
Roma, 30 ago. (askanews) – Filippo Scòzzari sarà premiato con il Romics d’Oro della XXIX edizione di Romics, l’appuntamento internazionale sul fumetto, l’animazione, il cinema, i games e l’entertainment e il cosplay in programma dal 6 al 9 ottobre 2022 alla Fiera di Roma. L’artista emiliano, nato a Bologna nel 1946, inizia a pubblicare vignette e storie a fumetti negli anni Settanta sulle riviste Re Nudo, Il Mago, Alter Alter e partecipa all’esperienza di Radio Alice durante il movimento studentesco del ’77 a Bologna.


Nel 1978 fonda la rivista Cannibale, in combutta con Tanino Liberatore, Massimo Mattioli, Stefano Tamburini e Andrea Pazienza, con i quali nel 1980 darà vita alla più importante rivista italiana di fine secolo: Frigidaire.



Tra i suoi albi più famosi ricordiamo Suor Dentona, La dalia azzurra (adattamento a fumetti del romanzo The Blue Dahlia di Raymond Chandler), Il mar delle blatte (adattamento di un racconto di Tommaso Landolfi), Primo Carnera, Il dottor Jack (le avventure di un investigatore privato che si occupa di casi strampalati e misteriosi). Alla carriera di fumettista Scòzzari affianca anche una nutrita produzione letteraria con L’isterico a metano, Prima pagare poi ricordare e Memorie dell’arte bimba.


In uscita in contemporanea a Romics, l’antologia “Una regina, due re” edita da Coconino Press, editrice che sta lavorando in questi ultimi anni alla ripubblicazione in volume di numerose opere dell’artista. Nel volume sono raccolte le storie di Suor Dentona, Primo Carnera e Dottor Jack.



Mondi sporchi e improbabili alieni, carne e bulloni, diavoli e impiegatini, sbarbe sbadate e assassine spietate, fango, rovine e palazzi scintillanti, il tutto vestito da colori pazzi, fuori dallo spettro della borghese decenza: tutto questo e molto altro si trova nei fumetti di Filippo Scòzzari. Con l’aggiunta di una lingua scoppiettante e ricchissima, caratterizzata da piacere e libertà di invenzione e da una sadica maestria nello stressare la sintassi fino a renderla incandescente e fumante.


La presenza di Filippo Scòzzari a Romics è in collaborazione con Coconino Press.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su