Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • R. Lombardia lancia la prima opera lirica realizzata nel metaverso

colonna Sinistra
Martedì 21 giugno 2022 - 16:28

R. Lombardia lancia la prima opera lirica realizzata nel metaverso

La "Traviata virtual reality". Ass. Galli: progetto avveniristico

R. Lombardia lancia la prima opera lirica realizzata nel metaverso
Milano, 21 giu. (askanews) – L’assessore all’Autonomia e Cultura di Regione Lombardia, Stefano Bruno Galli, ha presentato oggi a Palazzo Lombardia il progetto “Traviata Virtual Reality”, la prima opera lirica del metaverso. Lo ha riferito la stessa Regione, spiegando che si tratta di una versione ridotta de “La Traviata” di Giuseppe Verdi, girata al teatro Olimpico e a Palazzo Giardino a Sabbioneta (Mantova), patrimonio Unesco.


Si tratta di un progetto originale di Cieli Vibranti e Scena Urbana, ideato da Fabio Larovere, Andrea Faini, Dario Pasotti e Anna Berna, e patrocinato da Regione Lombardia. Una selezione di scene da ‘La Traviata’ di Giuseppe Verdi da fruire con una modalità del tutto nuova: grazie alla tecnologia “OCULUS Quest 2”, è possibile vedere l’opera a 360 gradi e vivere un’esperienza totalmente immersiva. Lo spettatore osserverà il melodramma da un punto di vista inedito, a fianco dei cantanti o in volo sull’orchestra, offrendo la possibilità di fantasticare sull’applicazione delle nuove tecnologie al mondo dell’opera lirica.



“Il primo melodramma interamente realizzato nel metaverso, è un lavoro sorprendente che coniuga, in maniera del tutto innovativa e creativa, l’arte nel senso più classico e le nuove tecnologie” ha dichiarato Galli, aggiungendo che “‘Traviata Virtual Reality’ è una porta spalancata sul futuro della fruizione culturale che è destinata a coinvolgere sempre di più le tecnologie digitali nella creazione di mezzi e linguaggi espressivi inediti, grazie ai quali realtà e virtualità convergono allo scopo di creare esperienze culturali del tutto inattese e profondamente suggestive”. “La realtà immersiva generata da questo progetto – ha concluso l’assessore – è molto emozionante perché consente di superare lo spazio fisico e mentale fra lo spettatore e gli artisti in scena, spettatore che prova la sensazione di essere un protagonista aggiunto in scena, sul palcoscenico”.


La Regione ha spiegato che l’opera si potrà vedere nel Bresciano, a partire da un’anteprima a inviti il 21 giugno alle 18 alla Pinacoteca Tosio Martinengo. Poi dal 25 giugno al 2 luglio nella Sala consiliare e biblioteca comunale di Villanuova sul Clisi e dal 25 giugno al 9 luglio e dal 5 al 9 settembre alla Cascina Parco Gallo. Dal 18 luglio al 1 agosto, a inviti, all’Accademia Arte e Vita di Breno. Seguirà, in una data ancora da definire, Gardone Val Trompia.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su