Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • A Napoli: “Invisibilìa – Atlante della città invisibile”

colonna Sinistra
Martedì 23 novembre 2021 - 10:28

A Napoli: “Invisibilìa – Atlante della città invisibile”

Un progetto dell'associazione Mammut e dell'Accademia di belle arti

A Napoli: “Invisibilìa – Atlante della città invisibile”
Roma, 23 nov. (askanews) – Domani, presso l’Accademia di Belle Arti di Napoli, sede sede Fondazione FoQus in Via Portacarrese a Montecalvario, 69, l’Accademia e il centro territoriale Mammut presentano la giornata di studi sulla ricerca “Invisibilia-Atlante della città invisibile”, un guida turistica, con tanto di stradario e mappe autentiche dei luoghi di un nuovo Continente emerso durante i terribili giorni del lockdown. Il progetto è a cura di Giovanni Zoppoli e Assunta Iorio con progetto grafico e illustrazioni di Vincenza Galiano.


Di seguito il programma della manifestazione: h 16.30 Accoglienza e saluti istituzionali di Renato Lori, Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Napoli. “Invisibilia – Atalante della Città Invisibile” presentazione dell’opera a cura dell’ Equipe Centro Territoriale Mammut, Fra Atlanti, Mappe e altre oggettività sentimentali, Paul Schweizer, “Kollektiv Orangotango, “, geografo e docente dell’Accademia di Arte e Design a Basilea. Forum sulle possibilità di una scuola abitata dalla Vita come lezione della pandemia. Ne discutono Daniela Piergreffi e Enrica D’Aguanno, docenti Accademia di Belle Arti di Napoli, Mario Punzo, Direttore della Scuola Comix con Vincenza Galiano, Grafica, illustratrice, studentessa Accademia di Belle Arti di Napoli: L’arte che apre la porta all’ invisibilità, un ponte tra “irrazionale” e “ricerca scientifica” Quotidiani, cultura popolare, archetipi e coscienza collettiva, nessi ancora possibili? Ne discutono Federico Monga. Direttore de “Il Mattino” e Mirella Armiero, Caposervizio Cultura Corriere del Mezzogiorno: Sulla possibilità di far diventare Scampia centro propulsore di una nuova pedagogia a partire dalle aree verdi del suo territorio. Nicola Nardella, Presidente VIII Municipalità di Napoli. Progetto Centro territoriale a Scampia, Mammut Associazione di Promozione Sociale Compare C.F. 94202030634 P.IVA 06239421214 – Piazza Giovanni Paolo II n° 3/6, 80144 Napoli Web: www.mammutnapoli.orgEmail: aps.compare@gmail.com Etica attiva, tra sogno e realizzabilità di salute e conoscenza autentiche Ne discutono le Dirigenti Scolastiche: Gabriella Giardina, Paola Carnevale, Rachele Furfaro, Patrizia Rateni, Lucia Vollaro. Il maestro come ricercatore invisibile “Di Necessità Virtù”. Ne discutono le maestre e i maestri: Elvira Quagliarella, Carmela De Lucia, Pamela Buda, Luca Marino, Alessandra Di Fenza, Daniela Iennaco, Tonino Stornaiuolo, Patrizia Salluzzo, Rossana Sanges e Gilda Berruti – Docente di urbanistica, Università Federico II di Napoli. Se quartieri distanti come l’Africa e il Polo Nord e la metropoli di mare di cui fanno parte, diventano tutt’uno con i borghi di montagna di un’altra Regione… non è magia, è geografia! “Invisibilìa – Atlante della città invisibile”, è un guida turistica, con tanto di stradario e mappe autentiche dei luoghi di un nuovo Continente emerso durante i terribili giorni del lockdown. Mappa resa viva e pulsante dalle storie “della città invisibile”, raccolte dal famoso cartografo Pirillico, grazie alle narrazioni autobiografiche di bambini e adulti di Scampia, Monterosa, Quartieri Spagnoli, Vomero, Chiaia e della città di Potenza. La presentazione vuole essere occasione per condividere l’esperienza di una scuola nuova come pratica politica. I frutti della ricerca realizzata dal Centro Territoriale di Scampia lo scorso anno (di cui “Invisibilìa, Atlante della città invisibile” è prodotto, con i tre numeri della Rivista pedagogica L’A.PE ) e il programma della ricerca azione per il nuovo anno avente come sfondo integratore “La madre” (info su www.mammutnapoli.org), costituiranno la base per discutere di questa possibilità. Dirigenti e docenti delle scuole che hanno partecipato alla ricerca azione “Di Necessità Virtù”, nel tentativo di mettere a fuoco criticità e possibilità incontrare a due mesi dalla ripresa del nuovo anno scolastico, discutono con le principali agenzie che a Napoli si occupano di comunicazione di massa e formazione dell’immaginario artistico. La finalità è il tentativo cooperativo di mettere a frutto la lezione della pandemia, nella ricerca d’idee e misure operative per una scuola capace di garantire nuova centralità al contatto con la vita, il benessere psicofisico di alunni e docenti, la città e Progetto Centro territoriale a Scampia, Mammut Associazione di Promozione Sociale Compare C.F. 94202030634 P.IVA 06239421214 – Piazza Giovanni Paolo II n° 3/6, 80144 Napoli Web: www.mammutnapoli.orgEmail: aps.compare@gmail.com l’indagine della realtà; al posto di aula, banchi, lezione frontale, dogmatismo, burocrazia e racconto narcisistico individuale o collettivo. Siamo pertanto molto lieti che abbiate voluto accettare l’invito a partecipare all’incontro. Per parte nostra faremo ogni sforzo al fine di creare un clima realmente cooperativo, foriero di fiducia e confronto disteso, a partire dalle reciproche vulnerabilità nella ricerca di vie utili alla realizzazione della scuola per la quale un giorno scegliemmo il mestiere che svolgiamo. “Invisibilìa – Atlante della città invisibile” – Edizione “Il Barrito del Mammut”, Quaderno N. 5, Napoli, 2021 è un progetto del Centro territoriale Mammut, finanziato dalla Tavola Valdese-Ufficio 8 per mille, dalla Fondazione Angelo Affinita e dalla Fondazione Haiku Lugano. I testi sono stati realizzati nell’anno scolastico 2020-2021 dai bambini delle classi quinte A e B dell’Istituto Comprensivo Virgilio 4 – Napoli, coordinati dalla maestra Elvira Quagliarella; i bambini della classe terza della scuola paritaria Dalla parte dei bambini – Napoli – plesso Foqus Montecalvario, Pontano e Morghen coordinati rispettivamente dalle Maestre Pamela Buda e Alessandra Di Fenza e della classe quarta del plesso Morghen coordinati dal maestro Luca Marino; i bambini delle classi prima A e quinte A e B dell’ Istituto Comprensivo G. Leopardi – Potenza, coordinati rispettivamente dalle maestre Maria Speranza Gazzellone , Maristella D’Andrea e Domenica Rizzo. Del gruppo di ricerca hanno fatto parte docenti delle scuole napoletane ICS V Circolo e Virgilio 4 di Scampia, il 58^ Circolo del Monterosa, la scuola paritaria Dalla Parte dei Bambini (sedi Quartieri Spagnoli, Corso Vittorio Emanuele, Vomero), lICS Madonna Assunta (Bagnoli), l’ICS Giacomo Leopardi di Potenza e la Scuola di Italiano per Stranieri Spac di Modena. Del gruppo allargato di ricerca hanno fatto inoltre parte docenti delle scuole primarie di Milano e Modena e Bologna. La ricerca azione ha coinvolto un totale di circa 50 docenti e 1.000 bambini delle classi prime, seconde, terze, quarte e quinte della primaria e del secondo e terzo anno dell’infanzia delle città sopra riportate.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su