Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Assegnati i premi Balzan 2021: olocausto, microbioma e gravità

colonna Sinistra
Lunedì 13 settembre 2021 - 13:07

Assegnati i premi Balzan 2021: olocausto, microbioma e gravità

Premiazione 2020 a novembre a Roma, 2021 a Berna l'anno prossimo

Assegnati i premi Balzan 2021: olocausto, microbioma e gravità
Milano, 12 set. (askanews) – Sono stati annunciati ufficialmente i vincitori dei Premi Balzan 2021. Si tratta di Saul Friedländer (Israele), University of California Los Angeles, per Studi sull’olocausto e sul genocidio; Jeffrey Gordon (USA), Washington University Saint Louis, per Microbioma in salute e in malattia; Alessandra Buonanno (Italia), Albert Einstein Institut, Potsdam, e Thibault Damour (Francia), Institut des Hautes Études Scientifiques, Paris, per Gravità: aspetti fisici e astrofisici. Il premio per Arte e archeologia del Vicino Oriente invece non è stato assegnato Il verdetto è giunto dopo la consueta riunione plenaria conclusiva del Comitato Generale Premi Balzan che ha vagliato e selezionato candidature provenienti da accademie, università e centri di ricerca di tutto il mondo. La scelta si è basata sulla validità, attualità e coerenza delle ricerche degli studiosi, individuando i fattori specifici che possono garantire l’avanzamento della conoscenza nei rispettivi campi di studio. I nomi sono stati svelati oggi a Milano dal presidente della Fondazione Balzan “Premio”, Alberto Quadrio-Curzio e dal presidente del Comitato Generale Premi Balzan Luciano Maiani in occasione del tradizionale evento serale che si è svolto alla Fondazione Corriere della Sera.


I vincitori riceveranno 750mila franchi svizzeri (circa 690mila euro), metà dei quali da investire in ricerca. Dal 2001, infatti, il regolamento del Comitato generale Premi impone ai premiati la destinazione di metà del Premio ricevuto al finanziamento di progetti di ricerca condotti da giovani studiosi.



Le quattro materie premiande cambiano ogni anno e vengono prescelte nelle due categorie delle lettere, scienze morali e arte e delle scienze fisiche, matematiche, naturali e medicina. La rotazione delle materie consente di privilegiare filoni di ricerca nuovi o emergenti, e di sostenere ambiti di studio importanti, ma trascurati dagli altri grandi riconoscimenti internazionali. Questo ha consentito, in 60 anni di vita del Premio, di compiere un itinerario completo attraverso tutti i campi del sapere, realizzando lo scopo statutario della Fondazione di “incoraggiare la cultura, le scienze e le più meritevoli iniziative umanitarie, senza distinzioni di nazionalità, di razza e di religione”.


Alla conclusione dell’annuncio dei vincitori del Premio Balzan 2021, il presidente del Comitato generale Premi, Luciano Maiani, ha annunciato le materie premiande del prossimo anno, 2022: Filosofia morale; Etnomusicologia; Biomateriali per la nanomedicina e l’ingegneria dei tessuti e Glaciazione e dinamica delle calotte polari.



Il presidente della Fondazione Balzan “Premio” Alberto Quadrio–Curzio ha poi reso noto che, a seguito del differimento della cerimonia di consegna dei Premi Balzan 2020, che avrebbe dovuto svolgersi lo scorso autunno a Roma, a causa dell’emergenza Covid-19, il calendario delle cerimonie 2020 e 2021 è stato così modificato: il 18 novembre 2021 a Roma la cerimonia di consegnba dei Premi Balzan 2020; l’1 luglio 2022 a Berna la cerimonia di consegna dei Premi Balzan 2021.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su