Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • “Riscoprendo mio madre”, il nuovo libro di Caterina Edwards

colonna Sinistra
Sabato 15 maggio 2021 - 11:01

“Riscoprendo mio madre”, il nuovo libro di Caterina Edwards

Scrittrice canadese di origine anglo-italiana
“Riscoprendo mio madre”, il nuovo libro di Caterina Edwards

Roma, 15 mag. (askanews) – “Riscoprendo mia madre – Una figlia alla ricerca del passato” è il nuovo lavoro di Caterina Edwards, scrittrice canadese di origine anglo-italiana. Un atto d’amore di una figlia che testimonia il passato soppresso della madre Rosa, rifugiata, genera una storia, che è una incalzante ricerca durata decenni per gettare luce sulle difficoltà taciute e i frequenti sradicamenti e restrizioni della vita di Rosa e di conseguenza sulla tragica storia di forse 350.000 abitanti della multietnica Istria, e in particolare Lussino, un’isola al largo della costa dalmata.

L’autrice del romanzo Caterina Edwars è nata in un villaggio in Inghilterra da madre italiana e padre inglese, con cui all’età di sette anni è emigrata in Canada. La commistione tra le queste culture assorbite parallelamente ha determinato anche la scelta delle tematiche da affrontare nelle sue opere, tra cui: l’immigrazione, il rapporto tra l’individuo e le influenze culturali contrastanti, il ricordo privato e la storia pubblica.

La scrittrice canadese ha deciso di raccontare ai suoi lettori del percorso lungo decenni per comprendere il trauma storico di sua madre, originaria dell’Istria e costretta come tutto il suo popolo a lasciare la propria terra, e anche per conoscere finalmente Rosa in quanto donna e madre. Chi era realmente Rosa Pia Pagan Edwards? Quella di Rosa è stata una generazione cancellata, non solo dalla propria terra ma anche da tutti i documenti ufficiali, che furono distrutti in “incendi accidentali”; Caterina decide quindi di andare a Lussino, dove era nata la madre, per cercare quella piccolissima percentuale di italo-istriani che erano scampati all’esodo, al genocidio e alle foibe, e che oggi vengono tristemente chiamati i Rimasti. Attraverso le loro testimonianze, l’autrice ricostruisce una parte della storia della madre e comincia anche ad avvicinarsi a lei, e a comprendere il suo dolore, che è il dolore di un intero popolo.

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su