Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Premio letterario Kihlgren: al via gli incontri con i finalisti

colonna Sinistra
Martedì 4 maggio 2021 - 10:26

Premio letterario Kihlgren: al via gli incontri con i finalisti

Al Barrio's scrittori emergenti e giovani lettori a confronto
Premio letterario Kihlgren: al via gli incontri con i finalisti

Milano, 4 mag. (askanews) – Undici scuole superiori coinvolte, più di 400 lettori tra giovani e adulti nel territorio milanese e non solo, tre nuovi autori finalisti. Questi i numeri della XXII edizione del Premio Letterario Edoardo Kihlgren Opera Prima – Città di Milano che dopo il periodo di stallo dovuto all’emergenza sanitaria torna con la stessa passione degli anni precedenti, confermandosi uno dei punti fermi del panorama culturale milanese. Dopo un’attenta selezione da parte di un primo gruppo di lettori, la rosa ufficiale dei finalisti della XXII edizione comprende “Gli scomparsi” di Alessia Tripaldi (ed. Rizzoli), “Olocaustico” di Alberto Caviglia (ed. Giuntina) e “Il giorno mangia la notte” di Silvia Bottani (ed. SEM).

Ora le tre opere verranno valutate da una più vasta ed eterogenea giuria che ne decreterà la classifica: la giuria d’onore, formata dai precedenti vincitori del Premio e da alcuni rappresentanti della scena culturale Milanese; la giuria di lettori del centro di aggregazione giovanile del Barrio’s, e infine la giuria delle scuole, che include gli studenti di alcuni licei lombardi.

Il Premio si è distinto in questi anni per la sua anima indipendente, ma soprattutto per la sua capacità di coinvolgere nella lettura i giovani grazie alla collaborazione con diversi Licei della regione e il Barrio’s. Questa è la caratteristica che distingue il Premio Kihlgren dagli altri concorsi: la volontà di mettere al centro il giudizio di ragazzi non ancora adulti ma già maturi, dando voce ad un pubblico eterogeneo.

A 22 anni dalla sua nascita il Premio Kihlgren ha raggiunto il suo obiettivo, coinvolgendo nel suo percorso diverse altre realtà che ne condividono i fini e l’amore per la cultura. Ecco quindi che il premio si è arricchito di nuove presenze e collaborazioni con diverse realtà del territorio: tra queste spiccano la nuova partnership con Bookcity Milano e la presenza di Fondazione Mondadori, che per il secondo anno concorrerà alla scelta del vincitore con un gruppo di suoi “alumni”. Al contempo si è esteso il rapporto con il Liceo Classico Parini di Milano, già presente da diverse edizioni tra la rosa delle classi giurate, con il quale si è intrapresa una prima collaborazione di alternanza scuola-lavoro.

“La partecipazione dei ragazzi è il motore del nostro Premio fin dalla sua ideazione – conferma Rosella Milesi Saraval – presidente dell’Associazione promotrice Amici di Edoardo Onlus – Avvicinare i giovani alla lettura è un lavoro bellissimo e affascinante. I ragazzi hanno la mente fresca e ancora scevra dai pregiudizi di noi adulti”.

I tre autori si confronteranno con giovani lettori nel corso di una serie di appuntamenti: comincerà Alessia Tripaldi, mercoledì 5 maggio alle ore 18.00; mercoledì 12 maggio, sempre alle ore 18.00, sarà la volta di Alberto Caviglia; infine mercoledì 19 Maggio, ancora alle ore 18.00, toccherà a Silvia Bottani. Nel corso degli incontri l’attrice Augusta Gori leggerà brani tratti dalle opere. Tutte le serate saranno disponibili in diretta on-line tramite modalità specificate nel sito www.amicidiedoardo.org e sui canali social (Facebook e Instagram) del Premio.

Il Centro Barrio’s nasce nel 1997 grazie al sostegno economico e progettuale dell’Associazione Amici di Edoardo Onlus, al Comune di Milano che ha concesso lo spazio e all’esperienza di solidarietà di Don Gino Rigoldi, presidente di Comunità Nuova. Con le sue 60.000 presenze annuali, offre attività artistiche, culturali, ricreative, educative e formative e promuovendo importanti iniziative di solidarietà volte all’integrazione sociale. Nello stesso quartiere è nata poi La Bottega di Quartiere, costituita nel novembre, che mira all’inserimento nel mondo del lavoro di giovani precedentemente formati dall’associazione stessa. (nella foto: Silvia Bottani, una dei tre autori finalisti della XXII edizione del Premio Letterario Edoardo Kihlgren Opera Prima – Città di Milano)

CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su