Header Top
Logo
Giovedì 29 Settembre 2022

Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cultura
  • Sandro Rinaldi: Dalla “Mail Art” ai Puzzles: ‘8 per 8 fragranze’

colonna Sinistra
Martedì 25 ottobre 2016 - 14:15

Sandro Rinaldi: Dalla “Mail Art” ai Puzzles: ‘8 per 8 fragranze’

Con l'arpa di Maria Chiara Fiorucci i "Puzzles d'autore" a Terni
20161025_141530_0B41053A

Roma, 25 ott. (askanews) – Sandro Rinaldi dalle mail-art ai puzzles. L’artista eclettico, originale, conosciuto per la varietà della sua proposta sperimentale presentata in Italia e in Europa, espone per la prima volta a Terni, sua città natale, presso lo showroom DeFlorio (via I Maggio 35) un piccolo frammento della sua magia, che conta fino a oggi circa 50 mila opus. Buste da lettere e cartoline, con i propri francobolli e i timbri postali grazie alla sua immaginazione, sono entrati a far parte della composizione artistica, fatta in forma di patterns, schemi ripetuti che sfuggono dalla prevedibilità tramite la scioltezza del gesto e l’abbinamento musicale dei colori, approccio spesso enfatizzato con l’utilizzo di frammenti di spartiti. Assonanze e dissonanze che, come nella più immateriale delle Arti, la Musica, attraversano lo spazio sia concretamente che virtualmente. Nei Puzzles d’Autore il movimento lo si trova non solo nei pigmenti ma nelle mani del fruitore, che fa e disfa l’opera eliminando il noioso “Do not touch”. Le mani entrano in gioco, condividendo con gli occhi le risonanze simpatiche… ma il gioco non si ferma qui.

Per questo incontro che avverrà giovedì 27 ottobre, a partire dalle ore 18.00 Rinaldi coerente con la sua capacità di sorprendere, ha scelto un nuovo filone della sua tanto poliedrica quanto personalissima creatività: i “Puzzles d’Autore”.

Saranno infatti otto i pezzi visibili, selezionati da Antonio Mendoza che ha curato questa anteprima a Terni. Un puzzle per ciascuna delle 8 fragranze contenute in 8 appositi Olfactorium di Acqua di Bolgheri. Compagna di viaggio al senso della vista, per l’inaugurazione di questo show all’insegna della interdisciplinarietà , l’arpa, degna stimolatrice dell’udito, suonata per l’occasione da Maria Chiara Fiorucci, musicista di rare sensibilità e tatto.

CONDIVIDI SU:





articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra
[an error occurred while processing this directive]
Torna su