Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Liguria, ex discarica Sicam diventa sito di interesse regionale

colonna Sinistra
Lunedì 23 gennaio 2023 - 17:15

Liguria, ex discarica Sicam diventa sito di interesse regionale

A Santo Stefano Magra

Genova, 23 gen. (askanews) – L’ex discarica Sicam di Santo Stefano Magra, in provincia di La Spezia, diventa un sito di interesse regionale nel quadro del piano ligure di gestione dei rifiuti e delle bonifiche. Lo prevede una delibera approvata dalla giunta regionale della Liguria con la quale viene riconosciuta la rilevanza della criticità ambientale dell’opera e avocata a sé la competenza amministrativa per l’approvazione del progetto.


“Si tratta – dichiarano il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e l’assessore regionale all’Ambiente Giacomo Giampedrone – di un fondamentale passo in avanti, concordato con il Comune di Santo Stefano di Magra e la Provincia della Spezia, nell’iter che porterà alla bonifica dell’ex discarica dopo decenni di attesa da parte dei cittadini e degli enti di tutta la Val di Magra. La decisione di rendere l’ex discarica Sicam un sito di interesse regionale ci consentirà di spendere al meglio gli oltre 12,5 milioni di euro di fondi del Pnrr che la Regione Liguria, in collaborazione con gli altri enti del territorio, è riuscita a ottenere dal governo lo scorso settembre per finanziare la definitiva messa in sicurezza del sito”.



L’ex discarica, la cui bonifica dovrebbe concludersi entro il primo trimestre del 2026, occupa un’area demaniale di circa 3 ettari, posta a circa 100 metri dalla sponda destra del fiume Magra nel Comune di Santo Stefano di Magra. I rifiuti sono stati abbancati negli anni ’80 in area esondabile senza sistemi di confinamento e le acque di falda hanno mostrato concentrazioni di inquinanti superiori ai limiti normativi in corrispondenza delle più significative risalite della superficie freatica. Il sito presenta infatti il più elevato rischio relativo per contaminazione dei suoli e delle acque della Liguria ed è da molti anni oggetto di indagini e monitoraggi.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su