Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sanità, Schillaci: recuperare i ritardi provocati da emergenza Covid

colonna Sinistra
Martedì 6 dicembre 2022 - 10:11

Sanità, Schillaci: recuperare i ritardi provocati da emergenza Covid

Ministro: prioritario anche superamento diseguaglianze territoriali

Sanità, Schillaci: recuperare i ritardi provocati da emergenza Covid
Milano, 6 dic. (askanews) – “In questa fase post-pandemica è necessario rispondere in modo tempestivo ad alcune priorità, una su tutte quella delle liste di attesa, delle prestazioni che, a causa dell’emergenza del Covid, non sono state erogate. Penso in particolare agli screening oncologici, ai ricoveri e agli interventi rimandati o sospesi soprattutto nelle prime fasi dell’emergenza sanitaria che abbiamo vissuto”. Lo ha detto il ministro della Salute, Orazio Schillaci, durante il suo intervento alla presentazione dei risultati dell’edizione 2022 del Programma nazionale esiti (Pne) dell’Agenzia nazionale per i servizi sanitari regionali (Agenas)


“Per quanto riguarda l’assistenza ospedaliera nella pandemia, il Pne rileva che nel 2021 si è registrata una lieva ripresa delle ospedalizzazioni che hanno riguardato i ricoveri programmatrici e quelli diurni ma le attività rimangono al di sotto dei livelli prepandemici” ha proseguito il ministro, spiegando che “recuperare i ritardi provocati dall’emergenza è una delle priorità del mio incarico e su questa intendo puntare con grande determinazione”.



“Ritengo al contempo prioritario il superamento delle diseguaglianze territoriali nell’offerta sanitaria: se da una parte è vero che bisogna tenere presente le peculiarità delle varie regioni, dall’altra è necessario far sì che tutti i cittadini, indipendentemente da dove sono nati o risiedono, indipendentemente dal loro reddito, abbiano le stesse opportunità” ha continuato Schillaci, concludendo “mai come in questo periodo, consapevoli della centralità della salute, dobbiamo lavorare per un miglioramento continuo dell’accessibilità, della qualità e dell’equità delle cure e dell’assistenza territoriale”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su