Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Federlegno: III trim rallenta ancora, ma vede chiusura 2022 positiva

colonna Sinistra
Martedì 6 dicembre 2022 - 13:08

Federlegno: III trim rallenta ancora, ma vede chiusura 2022 positiva

Investimenti per efficientamento energetico prioritari per la filiera

Federlegno: III trim rallenta ancora, ma vede chiusura 2022 positiva
Milano, 6 dic. (askanews) – Dopo il +24,5% registrato dalla filiera legno-arredo nel primo trimestre 2022, e il +22,2% del primo semestre 2022, il valore delle vendite della filiera è sceso a +17,7% nel periodo gennaio-settembre 2022 secondo i dati del Monitor L-A elaborato dal Centro studi di FederlegnoArredo. Numeri che evidenziano quanto già precedentemente osservato: ovvero che il rallentamento, seppur in un quadro complessivamente positivo, ha iniziato a farsi sentire nel secondo trimestre 2022 e si è confermato anche nel terzo, lasciando intravedere che anche il finale d’anno andrà in tale direzione.


L’export della filiera legno-arredo, che rappresenta il 41% del totale, registra a settembre 2022 un +14% sul 2021 (era +16,3% nei primi sei mesi 2022) con un valore pari a circa 3,2 miliardi di euro, mentre il mercato italiano, che rappresenta il 59%, segna un +20,5% (era +26,7% nei primi sei mesi) con un valore di 4,7 miliardi di euro.



Al Monitor L-A di FederlegnoArredo hanno partecipato oltre 450 aziende che per vendite totali hanno superato nel periodo indicato i 7,9 miliardi di euro: oltre 250 quelle del macro sistema arredamento e poco più di 200 quelle del macro sistema legno.


Volendo azzardare una previsione di fine anno, per la filiera legno-arredo si potrebbe ipotizzare una chiusura a doppia cifra pari al +12%, che corrisponde a un +8,1% per il macro sistema arredamento e un +17,1% per quello del legno.



“Leggendo i dati del nostro Monitor, purtroppo, si conferma quanto avevamo detto e previsto nei mesi precedenti. I segnali di rallentamento c’erano e ci sono ancora e l’incertezza dello scenario geopolitico ed economico – commenta Claudio Feltrin presidente di FederlegnoArredo – ci costringe ad essere estremamente prudenti, pur salutando con favore la chiusura d’anno con un segno positivo e che potrebbe chiudersi a doppia cifra”. “Risultato tutt’altro che scontato – aggiunge – che va però letto alla luce dell’effetto, ancora rilevante, dell’aumento dei prezzi delle materie prime. Se stiamo infatti assistendo a una diminuzione del costo dell’energia, che impatta positivamente sulle produzioni particolarmente energivore come i pannelli, al momento sono deboli i segnali di una diminuzione dei costi delle materie prime che vanno a comporre i nostri prodotti finali. La plastica registra a ottobre su settembre un -1,6%, l’alluminio un -1,3% e il rame -1,5%. Ancora troppo poco per poter dire che la tanta auspicata inversione di rotta è alle porte”.


Le rilevazioni del terzo trimestre sono state anche l’occasione per sondare le aziende come si stanno organizzando rispetto ai loro piani di investimento. La sintesi che se ne può trarre è che il settore non ha mai smesso di investire, seppur costretto a fare delle scelte figlie del clima di incertezza. Le azioni prioritarie che i partecipanti all’indagine hanno messo in atto aiutano a disegnare il prossimo futuro evidenziando le problematiche che preoccupano le imprese, i driver che ritengono trainare il loro mercato di riferimento e gli asset strategici da custodire e potenziare.



Per il totale filiera legno-arredo oltre il 60% delle aziende rispondenti indica come prioritari gli investimenti per l’efficientamento energetico (per il 27% molto rilevante, per il 36% estremamente rilevante) a seguire, per il 54% dei rispondenti, gli investimenti produttivi (per il 35 % molto rilevante e per il 19% estremamente rilevante). Anche la digitalizzazione dei processi aziendali è percepita come molto rilevante (dal 31% dei rispondenti) o estremamente rilevante (dal 21% dei rispondenti).


Per il macrosistema legno dopo il tema energetico emergono gli investimenti sulle risorse umane (per il 50% dei rispondenti è molto o estremamente rilevante) e quelli produttivi (49% dei rispondenti) mentre per il macrosistema arredamento la priorità è incrementare la presenza all’estero (per quasi il 70% dei rispondenti).


CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su