Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Ischia, 341 persone in hotel,54 famiglie non hanno lasciato case

colonna Sinistra
Sabato 3 dicembre 2022 - 12:32

Ischia, 341 persone in hotel,54 famiglie non hanno lasciato case

Legnini: 90 sfollati hanno trovato assistenza da parenti

Ischia, 341 persone in hotel,54 famiglie non hanno lasciato case
Napoli, 3 dic. (askanews) – “Al momento sono 341 le persone ospitate in strutture alberghiere a Ischia, allontanate in via precauzionale dalle proprie abitazioni, 90 quelle che hanno trovato una sistemazione autonoma, nella maggior parte dei casi presso familiari” mentre sono 54 i nuclei familiari che vivono nella zona rossa e che “non si sono volute allontanare dalle proprie abitazioni”. A spiegarlo, Giovanni Legnini, commissario straordinario per la Protezione civile ad Ischia in videocollegamento con la Prefettura di Napoli nel corso di una conferenza stampa sull’emergenza successiva alla frana di Casamicciola.


Nei confronti delle circa 150 persone che non hanno voluto lasciare le proprie case, si sta svolgendo “un’opera di convincimento e persuasione, con gentilezza e assistenza” notificando anche l’ordinanza di evacuazione emessa ieri. “L’allontanamento proseguirà fino a domani”, ha aggiunto Legnini spiegando che molti degli sfollati, tra gli oltre mille individuati, si sono organizzati autonomamente per avere ospitalità da parenti e amici senza ricorrere al centro di protezione civile. “Già stamattina delle persone che ieri non avevano aderito all’allontanamento hanno chiesto di essere ospitati presso le strutture alberghiere – ha detto il commissario prefettizio di Casamicciola, Simonetta Calcaterra – C’è una sistemazione sicura per tutti gli sfollati”. Il commissario ha poi spiegato che le persone fragili, che hanno lasciato le proprie abitazioni, sono state “messe in sicurezza prima degli altri” con l’aiuto di medici, infermieri e ambulanze.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su