Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Sanità,Schillaci: ipotesi decreto Molise va presa in considerazione

colonna Sinistra
Martedì 29 novembre 2022 - 14:50

Sanità,Schillaci: ipotesi decreto Molise va presa in considerazione

Sul modello Calabria. Ma da solo non basta, serve una strategia

Roma, 29 nov. (askanews) – La situazione della sanità in Molise “si trascina da troppi anni in una situazione di deficit insostenibile, per cui la richiesta di un decreto Molise sul modello della Regione Calabria per il recupero del deficit va presa in seria considerazione non solo dal dicastero della Salute ma anche dal Mef”. A dirlo il ministro della Salute Orazio Schillaci intervenendo all’inaugurazione dell’anno accademico 2022-2023 dell’Università degli studi del Molise.


“Tuttavia – ha aggiunto – il decreto da solo non sarebbe sufficiente senza una strategia di più ampio respiro che consenta a questa regione, una volta azzerato il debito, di non generarlo di nuovo. Creando cioè un nuovo modello che possa consentire il mantenimento del pareggio dopo il decreto. A questo scopo potrebbe essere utile costituire un tavolo di coordinamento che coinvolga tutte le istituzioni, penso in particolar modo all’Università che ha tutte le competenze necessarie economiche, giuridiche, storiche, sociologiche non solo quelle di ambito medico per avere un ruolo determinante nella predisposizione di un piano di gestione che fornisca le necessarie garanzie sia al ministero della Salute che al Mef”.



“Sarebbe questa un’occasione importante per dimostrare quanto sia fondamentale la funzione dell’Università come organismo a servizio della collettività e della realtà sociale dove opera. Una funzione che le istituzioni e la politica devono valorizzare mettendo a frutto tutte le conoscenze e le competenze disponibili. L’Università del Molise – ha concluso Schillaci – ha tutte le caratteristiche per svolgere questa funzione in un territorio ricco di cultura e tradizione, che vuole crescere ed essere al passo con le grandi trasformazioni epocali che stiamo vivendo”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su