Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Roma, Lombardi (M5S) a Gualtieri: si fa presto a dire inceneritor

colonna Sinistra
Martedì 22 novembre 2022 - 17:02

Roma, Lombardi (M5S) a Gualtieri: si fa presto a dire inceneritor

Ecco cosa il Sindaco non dice sui rifiuti

Roma, 22 nov. (askanews) – “Leggo dalle agenzie di stampa che per Gualtieri o si fa inceneritore o si mandano rifiuti fuori regione. Non dice però che durante la costruzione dell’inceneritore il problema rifiuti di Roma si risolverebbe mandando in ogni caso rifiuti in giro”. Con queste parole Roberta Lombardi, assessora M5S alla Transizione Ecologica e Trasformazione Digitale della Regione Lazio, interviene in merito alle dichiarazioni del sindaco di Gualtieri sull’inceneritore di Roma.


“Continuerebbero a girovagare, anche se presi in carico dall’eventuale vincitore del bando per costruire l’inceneritore. Che sempre fuori Lazio li dovrebbe portare perché, come ormai sanno anche i sassi, nella nostra regione non c’è impiantistica sufficiente alla chiusura del ciclo. Quindi – sottolinea – nel mentre si costruiscono gli impianti a Roma, che si scelga un inceneritore, una nuova discarica o un impianto di nuova generazione a recupero materia come quello che nascerà a Colleferro, i rifiuti sempre a spasso andranno. Quello che il sindaco però non ci dice è che alla fine di questo periodo, più o meno lungo che sia (e l’inceneritore da 600.000 tonnellate ha i tempi più lunghi), scegliendo l’economia circolare avremo impianti che chiuderanno il ciclo senza rovinare l’ambiente, recuperando materie prime seconde in tempi e con costi umani. Inoltre quello che Gualtieri non dice, quando afferma che l’inceneritore di Roma non produrrà la necessità di altre nuove discariche, è anche in realtà che gli inceneritori producono ceneri e scorie che vanno poi smaltite in discarica, tra cui i rifiuti pericolosi derivanti dall’abbattimento dei fumi. Secondo alcune stime, infatti, l’inceneritore di Roma “produrrebbe 150mila tonnellate annue di rifiuti speciali e pericolosi non riciclabili che dovrebbero essere ulteriormente trattati e smaltiti”. Insomma – chiosa Lombardi – si fa presto a dire “inceneritore”, ancora prima ad evitare di dire tutta la verità!”.



CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su