Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Modena, investì e uccise donna in bicicletta: 2 anni di pena

colonna Sinistra
Mercoledì 12 ottobre 2022 - 18:37

Modena, investì e uccise donna in bicicletta: 2 anni di pena

Sentenza del tribunale di Modena dopo patteggiamento

Roma, 12 ott. (askanews) – E’ stato condannato a 2 anni di reclusione il giovane che nel novembre dello scorso anno investì ed uccise Gorica Dilic, una cuoca di 52 anni, a Modena. La sentenza del tribunale, con il giudice Caterina Clò, è arrivata dopo un patteggiamento della pena. L’imputato – si spiega – ha beneficiato della sospensione condizionale.


Gorica, il 14 novembre 2021, stava tornando a casa in bicicletta dal lavoro. All’imputato, F. S. di 34 anni, erano contestati i reati di omicidio stradale con l’aggravante della fuga e dell’omissione di soccorso. La Procura ha comunque riconosciuto tutte le attenuanti e l’avvenuto risarcimento dei familiari della vittima: i due figli e l’anziana mamma. Grazie allo Studio3A-Valore sono stati infatti integralmente risarciti dall’assicurazione della vettura e per questo, per legge, non hanno potuto costituirsi parte civile al processo né dunque incidere sul patteggiamento concordato con il pubblico ministero attraverso il loro penalista, l’avvocato Dario Eugeni, comunque oggi presente in aula.



La signora Gorica, di origini serbe, si era trasferita in Italia per lavoro nel 1996. Quella sera stava rincasando, con la bici che usava per tutti i suoi spostamenti, dal ristorante “Stradyvari”, dove lavorava da anni ed era stimata e ben voluta da tutti. Era lei al mattino che apriva il locale, e spesso staccava anche molto tardi, com’è accaduto quella notte, tra sabato e domenica. A casa dai figli e dalla mamma, però, Gorica non c’è mai arrivata. Dopo la sentenza di oggi il figlio Milos ha detto: “Non mi aspettavo molto di più, purtroppo la legge italiana è questa. Certo è che due anni per aver commesso un atto così grave sono proprio pochi. Ci resta almeno la consolazione che un po’ di giustizia mia mamma l’ha ricevuta”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su