Header Top
Logo
Logo
Corpo Pagina
Breadcrumbs
  • Home
  • Cronaca
  • Alzheimer, Spinelli: Toscana lotta contro isolamento malati

colonna Sinistra
Mercoledì 21 settembre 2022 - 16:42

Alzheimer, Spinelli: Toscana lotta contro isolamento malati

"Lavoriamo per migliorare le relazioni"

Firenze, 21 set. (askanews) – Migliorare la qualità della vita delle persone, contrastando l’isolamento di chi è colpito dalla malattia e lavorare in sinergia con la rete delle associazioni e le famiglie per supportare realmente chi le assiste. E’ questo l’impegno che, secondo l’assessora regionale alle politiche sociali, Serena Spinelli, deve essere al centro della Giornata mondiale dell’Alzheimer, che viene celebrata oggi in tutto il mondo.


“E’ una malattia -evidenzia ancora l’assessora- che ha forti ripercussioni sul nucleo familiare e sulle sue relazioni. Per questo è importante rafforzare la rete dei servizi territoriali e alimentare la sinergia con le associazioni e i caregiver che se ne prendono cura. La grande partecipazione in occasione dell’Alzheimer Fest a Firenze è stata secondo l’assessora una bella occasione di sensibilizzazione su un tema di salute così importante e ci ha confermato la preziosa attività di tanti volontari, operatori e realtà che si dedicano ogni giorno a tutto questo. A questo proposito esiste ed è a disposizione una mappatura dei servizi presenti e attivi sul territorio regionale ed è in atto un accordo con Anci (l’associazione dei comuni) e Aima (l’associazione italiana malattia Alzheimer) per alimentare la sensibilità della società nei confronti dei malati e delle loro famiglie”.



“Siamo vicini ai malati e alle loro famiglie – afferma Manlio Matera presidente Aima Firenze – e continueremo a farlo attraverso l’attività di ascolto, orientamento e supporto che i centri di ascolto Aima da 28 anni offrono quotidianamente a sostegno delle famiglie dei malati. Continueremo allo stesso tempo a lavorare con le istituzioni pubbliche per contrastare lo stigma e l’isolamento verso comunità più solidali e inclusive, sviluppando insieme politiche sociosanitarie in grado di adeguare progressivamente la rete dei servizi ai bisogni della demenza”.




CONDIVIDI SU:
articoli correlati
ARTICOLI CORRELATI:
Contenuti sponsorizzati
Barra destra

Torna su